Home » News » Attualità » All’Università Iulm di Milano presentato il Rapporto sull’economia della musica

All’Università Iulm di Milano presentato il Rapporto sull’economia della musica

In Italia il mercato della musica ha fatto registrare nel corso del 2007 un indotto complessivo pari a circa 4,1 miliardi di euro. A rivelarcelo è l’edizione 2008 del Rapporto sull’Economia della Musica realizzato dall’Università IULM in collaborazione con Dismamusica (Associazione distribuzione industria strumenti musicali e artigianato), Fem (Federazioni editori musicali) e SCF Consorzio Fonografici.
A livello mondiale la discografia ha generato nel 2007 (secondo i dati dell’International Federation of the Phonographic Industry ” IFPI) complessivamente un fatturato retail pari a 29,9 miliardi di dollari rispetto ai 31,81 miliardi di dollari del 2006 (-6,3%). In questo contesto il mercato del digitale resta ancora piuttosto contenuto (pur se in costante crescita) con un fatturato di 4,7 miliardi di dollari (16% del totale). Secondo i dati forniti da Namm (International Music Industry Association) il mercato globale degli strumenti musicali nel 2007 si è assestato a quota 18 miliardi di dollari. I principali mercati restano gli Stati Uniti (42% del totale), il Giappone (16%), la Germania (6%), il Regno Unito e la Francia (5% caduno). In crescita, invece il comparto degli strumenti musicali che con i suoi 372 milioni di euro compie un balzo in avanti del 5,5%.
“Ogni anno, in Italia, circa un milione di persone acquista uno strumento musicale nuovo, sia per impieghi professionali sia, e molto più frequentemente, per un uso amatoriale. E’ un dato confortante, anche se è lontano dalla reale potenzialità che un Paese come l’Italia potrebbe esprimere se i gestori della nostra formazione culturale facessero propria la determinazione di restituire alla musica tutta la sua dignità di valore culturale essenziale alla formazione della persona. E in effetti, se guardiamo a quei Paesi che hanno posto la musica tra le materie curricolari di formazione dei giovani, troviamo che la spesa pro-capite in strumenti musicali è più che tripla o quadrupla rispetto a quanto avviene oggi in Italia”, sottolinea Antonio Monzino jr., Presidente uscente di DISMAMUSICA.
Secondo i dati forniti da Namm (International Music Industry Association) il mercato globale degli strumenti musicali nel 2007 si è assestato a quota 18 miliardi di dollari. I principali mercati restano gli Stati Uniti (42% del totale), il Giappone (16%), la Germania (6%), il Regno Unito e la Francia (5% caduno). L’Italia rappresenta circa il 2%.

About Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.