Accordo S.I.A.E. – Anica per la proiezioni di film al di fuori delle sale cinematografiche

Da qualche giorno è più facile organizzare gli spettacoli cinematografici fuori dai normali circuiti, grazie al protocollo d’intesa firmato dalla S.I.A.E. e dall’Anica. L’accordo ha lo scopo di regolare, sul mercato, la proiezione di film al di fuori delle sale tradizionali, attraverso il sistema Commercial Video, strumento utilizzabile per le proiezioni in luoghi aperti al pubblico, in luoghi privati destinati alla collettività o come forma di intrattenimento su navi, aerei e altri mezzi di trasporto.
I supporti Commercial Video saranno resi disponibili dai distributori cinematografici, contemporaneamente all’uscita home video, comunicando periodicamente alla S.I.A.E. i cataloghi dei film disponibili, le condizioni di noleggio e i luoghi in cui è possibile reperire i supporti.
L’organizzatore potrà , quindi, rivolgersi a qualsiasi ufficio S.I.A.E., per ottenere la licenza per la proiezione pubblica dei film autorizzati dai distributori e la S.I.A.E. provvederà a incassare i diritti di noleggio versando alle società di distribuzione le somme dovute. Al protocollo, che ha valore di accordo quadro, seguiranno contratti di mandato tra S.I.A.E. e singoli distributori interessati al servizio.
“Questa intesa – ha commentato il presidente Assumma – renderà più facile le proiezioni da parte di moltissimi utilizzatori che fino ad ora non avevano un interlocutore certo. In definitiva ne trarrà vantaggio la diffusione del cinema”.
Un successo, secondo il presidente Anica Ferrari, “anche in chiave di lotta alla pirateria, questo accordo può segnare un importante punto a favore per la coscienza degli spettatori che, comunque, potranno accedere con più facilità ai film, senza acquistare prodotti illegali”.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.