Una campagna BSA negli Stati Uniti contro il sofware illegale in azienda

Business Software Alliance (BSA) sta incoraggiando le aziende nelle principali cinque città degli Stati Uniti a verificare se nei propri computer sia presente software non licenziato. Le aziende che entro la fine del mese lo faranno e che compreranno le licenze dei software installati illegalmente, non verranno denunciate e non pagheranno nessuna multa (multa che generalmente ammonta a 150.000 dollari per ciascuna violazione).
Le città in cui BSA sta operando con questo programma sono Atlanta, Portland, Kansas City, New York, e Oklahoma City.
BSA si serve di annunci radio (che possono essere anche ascoltati sul sito della BSA), e chiede agli impiegati “scontenti” o delusi di denunciare i propri datori di lavoro.
Questa campagna è la quinta del genere: infatti il programma ha tocccato in precedenza altri paesi come Messico, Thailandia, Regno Unito e Danimarca.
Per semplificare il processo di verifica di software non licenziato, BSA mette a disposizione nel proprio sito un set di software che eseguono i necessari controlli.
Secondo BSA, chi non è stato ancora messo sotto investigazione dalla associazione dovrebbe avvantaggiarsi di questo programma.

La redazione – Fonte: CNN

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.
Precedente Digimarc brevetta una nuova tecnologia antipirateria
Prossimo Microsoft vince una causa antipirateria in Australia
Exit mobile version