Sequestri di testi universitari illegalmente fotocopiati a Napoli e a Modena

La Guardia di Finanza di Napoli e ispettori della Siae, nel corso di controlli in otto copisterie cittadine accanto a sedi universitarie per reprimere il commercio illegale di copie di libri scolastici e universitari, hanno sequestrato pen drive e pc portatili con all’interno testi integrali di libri universitari.
Complessivamente sotto sequestro sono 2 copie cartacee e 462 files in formato pdf riproducenti copie integrali di testi universitari di ultima recensione; 15 cd masterizzati; 2 personal computers portatili; 6 pen drive. Il valore delle copie illecitamente detenute e’ di oltre 37mila euro. I titolari delle due copisterie trovate non in regola, A.G. di anni 65 e N.M. di anni 43, sono stati denunciati per violazioni alla normativa sul diritto d’autore e nei loro confronti resta applicabile una sanzione amministrativa, calcolata per ciascuna copia anche informatica illecitamente detenuta, di importo minimo complessivo pari a 48mila euro.
La Guardia di Finanza di Modena, sempre in collaborazione con la Siae, ha effettuato nelle copisterie di Modena e provincia, una serie di controlli che hanno portato al sequestro di oltre 15mila pagine di testi universitari illegalmente riprodotte. La copisteria nella quale è avvenuto il sequestro permetteva ai clienti di superare il 15% previsto dalla legge per la riproduzione di testi ad uso personale. Secondo il colonnello Alberto Giordano, che ha coordinato l’operazione, i controlli verranno estesi anche a computer e chiavette.
Fonte: AGI e SIAE

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.