Palermo, controlli congiunti SIAE/GdF nelle copisterie

Nell’ambito di una periodica attività di controllo congiunto del territorio mirata al contrasto della pirateria reprografica, militari del Gruppo Palermo della GdF ed ispettori della Sede Regionale della SIAE hanno recentemente effettuato verifiche nelle zone vicine alle sedi universitarie cittadine presso cinque copisterie. Tale attività ha consentito il sequestro complessivo di circa 120 testi librari abusivamente ed integralmente duplicati oltre a due personal computer.
L’illecita attività , oltre a realizzare concorrenza sleale nei confronti di copisterie e librerie con conseguente distorsione del regolare mercato commerciale, danneggia non solo gli autori e gli editori, ma anche tutto l’indotto collegato al settore librario.
Si ritiene utile riaffermare che i titolari delle copisterie e/o punti di riproduzione quali cartolerie e rivendite di tabacchi possono regolarizzare la propria posizione presso gli uffici della SIAE competenti per territorio, provvedendo alla sottoscrizione della presa d’atto ed al contestuale pagamento dei compensi per diritti d’autore. Sulla scorta della vigente normativa nazionale, tale procedura di “licenza legale” consente l’effettuazione della fotocopiatura entro il limite del 15% del volume fascicolo. Pertanto la fotocopiatura oltre tale limite o integrale dell’opera libraria rende applicabili le sanzioni penali e amministrative previste dalla legge.
Fonte: www.siae.it

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.