Operazione “Game Over”: sequestrati impianti e smantellata rete di distribuzione attiva tra Campania e Toscana.

Perquisizioni in decine di abitazioni private e negozi, venti persone denunciate all’autorità giudiziaria, decine di migliaia di supporti audiovisivi, musicali e videogichi illecitamente riprodotti sequestrati per un valore complessivo di oltre 200 mila Euro: è questo il primo bilancio dell’operazione “Game Over” della GdF conclusa lunedì mattina in diverse città della Campania, oltre ad alcune località della Toscana.
La compagnia di Torre del Greco delle Fiamme Gialle, guidata dal Capitano Stefano Lampone, partendo da una base operativa nella città vesuviana, ha effettuato controlli e perquisizioni, su delega della Procura della Repubblica di Torre Annunziata coordinata dal PM, dott. Nocera, a Benevento, Ercolano e Nocera Superiore oltre che in Toscana. Nel mirino dell’indagine l’illecita riproduzione di programmi software, giochi per consolle, CDd musicali, DVD.
Oggetto delle perquisizioni abitazioni private e alcuni negozi che erano stati trasformati in vere e proprie centrali di riproduzione dove sono state scoperte attrezzature particolarmente sofisticate. Decine i computer collegati con oltre 40 masterizzatori per effettuare le riproduzioni. L’indagine è scattata dopo la denuncia, alcuni mesi fa, di un giovane di Torre del Greco, conosciuto nell’ambiente della contraffazione con il soprannome di “professore”.
La Guardia di Finanza ha ricostruito i suoi rapporti con pregiudicati ma anche con incensurati. Sono seguiti accertamenti sui conti bancari ed è stato possibile risalire al ruolo di ognuno nell’organizzazione sia per quanto riguardava la riproduzione illecita dei prodotti contraffatti che per la successiva distribuzione.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.