Messina: la Guardia di Finanza scopre una florente attività di fotocopie abusive

I militari della Guardia di Finanza di Messina, con l’ausilio del servizio ispettivo della SIAE, hanno effettuato una serie di verifiche presso le copisterie con sedi vicine alle facoltà universitarie della città , scoprendo una florente attività di duplicazione illecita di testi universitari, venduti a studenti a prezzi sensibilmente inferiori rispetto a quelli delle opere originali.
Quattro le persone denunciate. Nelle copisterie ispezionate sono stati rinvenuti numerosi supporti informatici su cui erano stati copiati digitalmente migliaia di testi, pronti per essere stampati abusivamente. Alcuni studenti universitari che avevano acquistato le copie abusive sono stati identificati all’uscita delle copisterie.
Le sanzioni pecuniarie ammontano a circa 100.000,00 euro, mentre le copisterie rischiano la sospensione dell’attività da sei mesi a un anno.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.