Israele intensifica la propria azione contro la pirateria

L’azione delle autorità israeliane contro il fenomeno della pirateria sta divenendo sempre più incisiva.
Moti Amitay, rappresentante IFPI israeliano ha annunciato, a testimonianza di un rinnovato impegno, che la Corte Distrettuale di Haifa ha riconosciuto colpevoli di violazione di copyright un certo numero di siti P2P tra i quali Shift, Lala, Lionetwork, and Subcenter.
La causa era stata avviata da 27 case discografiche.
I gestori dei siti sono stati condannati a corrispondere un risarcimento provvisorio pari a 105.000 dollari, ma il legale delle parti attrici ha comunicato che l’importo dei danni procurati, ancora in fase di stima, ammonterebbe a milioni di dollari.

La redazione (Raimondo Bellantoni)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.