Cresce la diffusione del software piratato

Websense, società specializzata nella realizzazione di software dedicato all’EIM (Employee Internet Management), ha riportato che il numero di siti dedicati alla diffusione di software piratato o alla realizzazione di attività di hacking è aumentato del 240% rispetto allo scorso anno, raggiungendo a oggi il numero di 5400 siti per un totale di 800.000 pagine web.
Secondo quanto riferito dal Centro Studi sulla Pirateria della BSA, il 37% del software utilizzato dalle imprese è stato copiato illegalmente. Lo studio sottolinea il pesante impatto della violazione del copyright, con perdite imputabili alla pirateria, a livello mondiale, pari a 11.8 miliardi di dollari.
La redazione – Fonte: Websense

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.
Precedente EFF appoggia le posizioni degli scienziati nel caso RIAA
Prossimo Sentenza Tribunale Siena 10-5-2001
Exit mobile version