Cd pirata: due condanne a Lucera

Sono stati colti in flagrante con più di 10.000 Cd e Dvd contraffati e pronti per la commercializzazione, masterizzatori e apparecchi utili per la contraffazione di supporti musicali, film pornografici e software per computer, due fratelli, entrambi lucerini, arrestati nei giorni scorsi dalla Guardia di Finanza di Avezzano nell’ambito degli sviluppi dell’inchiesta “MaxDvd” coordinata dalla locale procura. I due avrebbero organizzato una vera e propria centrale di produzione e smistamento di materiale informatico privo dei previsti contrassegni SIAE.
Gli investigatori sarebbero risaliti ai lucerini attraverso l’identificazione dei protocolli informatici delle e-mail inviate e ricevute dagli arrestati.
I due sono stati processati per direttissima e condannati a 10 mesi e 20 giorni di reclusione, più 2.000 euro di multa. La pena è stata sospesa e i due sono stati rilasciati.
L’operazione “Maxdvd” ha preso il nome dal sito internet oscurato attraverso cui un’organizzazione operante sul territorio nazionale vendeva il materiale prodotto illecitamente in varie parti d’Italia. Nel mese scorso le Fiamme Gialle avevano denunciato tre persone, due pugliesi e un campano, per associazione per delinquere finalizzata alla illecita duplicazione e commercializzazione di materiale protetto dal diritto d’autore, uso di documenti falsi, sostituzione di persona e ricettazione.
Attraverso il sito internet si proponevano agli acquirenti oltre 30 mila titoli tra film, brani musicali e software, riprodotti in maniera illecita, in violazione alla normativa sul diritto d’autore. Il sistema era semplice: bastava ordinare via web il materiale e si pagava alla consegna del pacco spedito per posta ordinaria o con corriere espresso.
Almeno 23 erano state le perquisizioni disposte anche a Lucera, a Gioia del Colle e a Scafati e che hanno portato alla denuncia di altre 12 persone e alla verifica delle posizioni di altre 300, tra cui il gestore di un server, che hanno sistematicamente acquistato dall’organizzazione materiale audiovideo illecitamente riprodotto.
Fonte: Luceraweb

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.