Home » La Guida al diritto d’autore » Eccezioni e limitazioni » La rimozione delle misure tecnologiche (art. 71-quinquies)

La rimozione delle misure tecnologiche (art. 71-quinquies)

Pagina in costruzione

Gli articoli della l.d.a. che saranno commentanti in questa pagina:

Articolo 71-quinquies
1. I titolari di diritti che abbiano apposto le misure tecnologiche di cui all’art. 102-quater della presente legge sono tenuti alla rimozione delle stesse, per consentire l’utilizzo delle opere o dei materiali protetti, dietro richiesta dell’autorità competente, per fini di sicurezza pubblica o per assicurare il corretto svolgimento di un procedimento amministrativo, parlamentare o giudiziario.
2. I titolari dei diritti sono tenuti ad adottare idonee soluzioni, anche mediante la stipula di appositi accordi con le categorie rappresentative dei beneficiari, per consentire l’esercizio delle eccezioni di cui agli articoli 55, 68, commi 1 e 2, 69, comma 2, 70, comma 1, 71-bis e 71-quater, su espressa richiesta dei beneficiari ed a condizione che i beneficiari stessi abbiano acquisito il possesso legittimo degli esemplari dell’opera o del materiale protetto, o vi abbiano avuto accesso legittimo ai fini del loro utilizzo, nel rispetto e nei limiti delle disposizioni di cui ai citati articoli, ivi compresa la corresponsione dell’equo compenso, ove previsto.
3. I titolari dei diritti non sono tenuti agli adempimenti di cui al comma 2 in relazione alle opere o ai materiali messi a disposizione del pubblico in modo che ciascuno vi possa avere accesso dal luogo o nel momento scelto individualmente, quando l’accesso avvenga sulla base di accordi contrattuali.
4. Le associazioni di categoria dei titolari dei diritti e gli enti o le associazioni rappresentative dei beneficiari delle eccezioni di cui al comma 2 possono svolgere trattative volte a consentire l’esercizio di dette eccezioni. In mancanza di accordo, ciascuna delle parti può rivolgersi al comitato di cui all’art. 190 perché esperisca un tentativo obbligatorio di conciliazione, secondo le modalità di cui all’art. 194-bis.
5. Dall’applicazione della presente disposizione non derivano nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.