Home » FAQ » Faq sulla Tutela e il Deposito delle opere dell'ingegno » La S.I.A.E. tutela le opere oggetto del diritto d’autore? E come?

La S.I.A.E. tutela le opere oggetto del diritto d’autore? E come?

L’attività svolta dalla S.I.A.E. a favore dei propri iscritti e associati è spesso travisata a causa del significato attribuito al sostantivo “tutela”.

La S.I.A.E tutela i diritti di sfruttamento economico dell’opera degli autori che le abbiano affidato mandato. Significa molto semplicemente che SIAE concede licenze e autorizzazioni per l’utilizzazione delle opere tutelate, riscuote i relativi compensi e li ripartisce agli aventi diritto (autori, editori, eredi, ecc. – per approfondimenti, clicca qui).

La S.I.A.E. non svolge alcuna attività di tutela della paternità dell’opera, per cui il deposito presso la stessa non ha valore di prova assoluta di paternità dell’opera, ma è superabile da altra prova certa e assoluta.

Per esempio, il sig. Rossi deposita il proprio brano in S.I.A.E. nell’aprile 1999. Il sig. Bianchi ritiene che il sig. Rossi abbia copiato il brano da una sua canzone, non depositata in S.I.A.E. Se il sig. Bianchi riesce a dimostrare, in qualunque modo, che la sua canzone è stata composta precedentemente a quella del sig. Rossi, e comunque precedentemente al mese di aprile 1999, e che la canzone del sig. Bianchi sia un plagio, otterrà giustizia a prescindere dal deposito in S.I.A.E.

About Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.