Home » FAQ » FAQ Midifile » Come utilizzo dal vivo i miei Midifiles?

Come utilizzo dal vivo i miei Midifiles?

Chi ha svolto nel passato l’attività di pianobar avrà utilizzato per le proprie performance i midifile, file digitali che contengono le sequenze in un formato standard (MIDI) di brani musicali, che possono essere caricati e suonati dalle tastiere elettroniche o dai computer. I midifile contenenti le basi possono essere acquistati da produttori e/o riviste specializzate, oppure possono essere creati direttamente dall’esecutore.

Chi produce da sé le basi di canzoni famose, può poi utilizzarle dal vivo pagando i diritti d’autore. Infatti le basi musicali in Midifile costituiscono un esercizio del diritto di riproduzione meccanica delle opere dell’ingegno, stabilito agli artt. 13 e 61 della legge sul diritto d’autore. Questo diritto è attribuito in via esclusiva all’autore, per cui è necessario il suo consenso per l’esercizio. Questa autorizzazione è rilasciata o personalmente, oppure dalla S.I.A.E. in rappresentanza dei propri associati.

Rivolgendosi agli uffici S.I.A.E. è possibile far apporre il contrassegno sui propri supporti versando un compenso forfetario per ciascun brano tutelato riprodotto della durata massima di 5 minuti; oltre tale durata il compenso aumenta in proporzione.

Riguardo la pubblicazione di file MIDI in siti Internet che qualsiasi utente può scaricarsi sul proprio computer. Anche qui vale la citata regola: essendo un diritto spettante in esclusiva all’autore, è necessario il suo consenso per la pubblicazione e diffusione via Internet.

About Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.