Mondo

Scaricare musica online viola il diritto d’autore: la sentenza contro MP3.com

Il giudice federale Jed S. Rakoff ha condannato ieri a New York la società MP3.com Inc al pagamento, nel peggiore dei casi, della somma di 250 milioni di dollari a favore della Universal Music Group, al più grande casa discografica del mondo, per violazione dei diritti d’autore. Secondo il giudice americano, il servizio my.mp3.com, che permette agli utenti di scaricare …

Leggi di più »

Apple e Real Networks contro tutti

Real Networks ha acquisito da Apple la licenza per l’utilizzo del formato multimediale Quicktime per la riproduzione di contenuti web multimediali. I termini del contratto prevedono la possibilità di distribuire file audio e video riproducibili con Quicktime da parte dei content provider che utilizzano il software Real Server. La società ha comunicato inoltre che Real Server 8, di cui è …

Leggi di più »

Choice Caster, un player multimediale universale

Esynch ha da poco iniziato la distribuzione della versione beta gratuita di Choice Caster, un player multimediale in grado di riprodurre tutti i formati audio e video supportati dai media player più diffusi su Internet: Real Player (Real Networks), Windows Media Player (Microsoft) e Quicktime (Apple). Destinato in modo particolare all’utenza a banda larga (ADSL), che può usufruire dei contenuti …

Leggi di più »

MP3.com, accordo extragiudiziale con Time Warner e BMG

MP3.com ha raggiunto a Los Angeles un accordo extragiudiziale con i colossi Warner Music Group della Time Warner e BMG Entertainment di proprietà della Bertelsmann, con il quale MP3 potrà continuare a distribuire online i files relativi ai brani musicali prodotti dalle due case discografiche dietro pagamento di un importo non ancora precisato ogni volta che un utente ascolta o …

Leggi di più »

Condannata MP3.com per violazione del copyright

Mp 3, il popolare sito di musica da cui è possibile scaricare gratuitamente le canzoni del momento, viola le leggi americane sui diritti d’autore. Lo ha stabilito il giudice federale di New York Jed Rakoff con una sentenza che ha avuto un effetto drammatico sulla quotazione in Borsa del titolo, che in pochi minuti ha perso il 40 per cento …

Leggi di più »

Il software è mio, ma lo scarichi tu

Dopo le alleanze e le fusioni strategiche, per la Rete è arrivato il momento delle lobby. La scorsa settimana, trenta tra gruppi e associazioni hanno formalmente annunciato al Congresso degli Stati Uniti di aver dato vita alla "Copyright Assembly". Obiettivo: «preservare, proteggere e difendere l’inviolabilità del copyright». La nascita della lobby non ha avuto la risonanza planetaria dell’alleanza Time Warner …

Leggi di più »