Home » Giovanni d'Ammassa

Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.

La venticinquesima edizione del MEI a Faenza dal 4 al 6 ottobre

Il 4, 5 e 6 ottobre si svolgerà a FAENZA (Ravenna) la nuova edizione del MEI 2019 – Meeting delle Etichette Indipendenti, la più grande manifestazione dedicata alla scena musicale indipendente italiana e che quest’anno celebra i 25 anni dalla sua fondazione.

Nell’anno della sua venticinquesima edizione, il MEI sceglie di dedicare alcuni dei suoi premi e riconoscimenti a importanti figure del mondo della musica: a DOMENICO MODUGNO dedica il “Premio dei Premi”, al giornalista MARIO DE LUIGI il “Forum del giornalismo”, all’artista FREAK ANTONI, il “Mei Superstage” e al partigiano faentino Bruno Neri il contest “Materiale Resistente 2.0”.

Anche per quest’anno il MEI che celebra la sua venticinquesima edizione, e prevede nel 2020 una grande festa per i suoi 25 anni e un percorso di 1 anno di avvicinamento con tanti eventi e iniziative, prevede un programma ricco di eventi e grandi ospiti, che per tre giorni renderanno il centro storico della cittadina di Faenza il fulcro della musica indipendente ed emergente italiana come avviene oramai dal 1995 grazie a una felice intuizione di un gruppo di ragazzi e ragazze formato da Giordano Sangiorgi, Roberta Barberini, Daniele Scarazzati, Giampaolo Ricci e Cinzia Magnani.

Questi i nomi degli artisti premiati in occasione della Notte Bianca del MEI di sabato 5 ottobre dove si esibiranno dal vivo nel Centro Storico di Faenza: a MORGAN il “Premio MEI alla carriera”, a GIOVANNI TRUPPI il “Premio PIMI 2019 come miglior artista indipendente”, a GINEVRA DI MARCO e CRISTINA DONÀ il “Premio Speciale MEI” per il loro progetto discografico, ai NEGRITA il “Premio RADIO Rai Live” per i loro 25 anni di carriera, ai VIITO il “Premio “MEI – Exitwell al miglior progetto indie”, a FULMINACCI il “Premio Giovani MEI – Exitwell per il miglior esordio indipendente dell’anno” e il “Premio PIVI per il miglior videoclip indipendente dell’anno”, ai MARLENE KUNTZ il “Premio Ciampi per i 30 anni di carriera”, a “TREDICI PIETRO” il “Premio Hip Hop Mei”, a MARGHERITA ZANIN il “Premio speciale Indie Music Like” in collaborazione con L’Altoparlante, a IT’S UP 2U! il Premio MEI al miglior contest italiano” e ai MÒN Premio MEI – ExitWell al migliore gruppo indipendente 2019” e a IRENE GHIOTTO il Premio del Festival Anatomia Femminile

Il Mei vuol dire anche concerti di qualità, all’insegna della migliore musica che il panorama artistico del nostro Paese offre attualmente, quindi non mancheranno diversi appuntamenti dal vivo ed esibizioni che animeranno il borgo faentino per tutto il weekend. Tra i performer confermati per il 5 ottobre ci sono anche : i vincitori del Concerto del Primo Maggio di Roma I TRISTI, i vincitori del Concerto del Primo Maggio di Taranto LE COSE IMPORTANTI, la pianista e compositrice GIUSEPPINA TORRE, i cantautori ROSMY e MARCO DI NOIA, il rapper PELIGRO, i PANTA, gli STRIKE che presenteranno in anteprima la riedizione in vinile di “Scacco al Re” (Anfibio Records) e i vincitori Mei Superstage 2018 MARCONDIRO, MEZZAVERA, vincitrice di Lazio Sound, e lo straordinario duo pop classico contemporaneo Duo Bellavista & Soglia, talenti locali scoperti dal MEI.

Venerdì 4 ottobre alle 16 grande apertura del MEI con le inaugurazioni di alcune mostre: Liscio, Gasato On The PopManifesti & Mirabilia dalla Collezione di Gianni Siroli, “I Manifesti”, curata dal collettivo Malleus e la mostra fotografica I 100 scatti big del MEI” a cura di Raffaele Tassinari. Sarà presentato la sera alle ore 21  a Castel Bolognese anche il film “Prima che il gallo canti… il Vangelo secondo Andrea” presentato dal regista Cosimo Damiano Damato e si terranno le premiazioni dei principali artisti emergenti del territorio faentino.

Sabato 5 ottobre sarà la giornata dedicata alle “prime volte al MEI”: al Palazzo delle Esposizioni si terrà la prima Fiera del Disco e degli Strumenti Musicali che sara’ inaugurata da Claudio Formisano, Claudio Ricordi, Renato Marengo e Mario Luzzato Fegiz con presentazioni delle produzioni storiche degli Strike, degli Alunni del Sole e del Napule’s Power con i Cantori di Carpino e farà il suo debutto alla Galleria della Molinella il primo convegno internazionale Digital Day, che vedrà la presenza di diversi attori del Digital Music Business provenienti da tutta Europa e da tutto  il mondo: aprira’ il Presidente del Nuovo Imaie Andrea Micciche’ e tra gli ospiti ci saranno Tom Deakin, Direttore di Merlin, Alessandro Pavanello, per l’Associazione degli Indipendenti in Cina, Lello Savonardo dell’Universita’ Federico II di Napoli per i Digital Day italiani e gli Stati Generali della Musica Emergente e i rappresentanti di associazioni di indipendenti dei Balcani, della Spagna, dell’Inghilterra e tanti altri paesi e i rappresentanti della Regione Emilia-Romagna, Regione Lazio, Regione Campania e Comune di Milano per le attivita’ di promozione della musica; per la prima volta verrà, consegnato il Premio Ciampi, grazie al lavoro dell’artista Porfirio Rubirosa, dedicato al grande cantautore Piero Ciampi di cui si celebreranno i 40 anni dalla scomparsa, ai Marlene Kuntz, per i loro 30 anni di carriera e per la prima volta si presentera’ con il cantautore Edoardo De Angelis, che celebra i 50 anni della storica canzone Lella, la presentazione di un Corso sui Cantautori del Novecento insieme al Liceo Torricelli – Ballardini di Faenza. Come di consueto si terra’ per due giorni il MEI Music Lab, il primo workshop che prepara i giovani artisti sul mercato musicale, con ospiti come Danila Satragno, Deborah Bontempi, Massimo Benini, Giuliano Biasin, Emanuele Binelli e tanti altri nomi,  si svolgerà anche il Forum del Giornalismo Musicale, su idea di Giordano Sangiorgi, a cura di Enrico Deregibus, con i principali nomi del giornalismo come Cinzia Fiorato e Marco Mangiarotti, la rivista L’Olifante e la partecipazione dell’AGIMP, la neonata associazione di giornalisti e critici musicali nata al MEI,  la consegna delle Targhe MEI Musicletter a cura del giornalista Luca D’Ambrosio, che tra ivincitori vede il documentario sugli Afterhours “Noi siamo Afterhours” di Giorgio Testi, le finali di MEI Superstage e del Premio dei Premi, riconoscimento assegnato ad uno dei vincitori dei premi dedicati ai celebri cantautori scomparsi (Premio Pierangelo Bertoli, Premio Bindi, Premio Graziani – Pigro, Premio Pansieri, Premio Ciampi, Premio Bianca d’Aponte, Premio Fabrizio De André, Premio Bruno Lauzi, Premio Andrea Parodi, Premio Manente), ideato da Giordano Sangiorgi, presentato da Enrico Deregibus e dalla prima vincitrice del contest Roberta Giallo. In lizza ci saranno: Apice (per il Premio De André), Valentina Balistreri (per il Premio Lauzi), Chiara Effe (per il Premio Mario Panseri), gli Estro (per il Premio Pigro – Ivan Graziani), i Folk n’ Roll (per il Premio Manente), i Frigo (per il Premio Ciampi), Francesca Incudine (per il Premio Bianca D’Aponte), Giacomo Rossetti (per il Premio Pierangelo Bertoli), Micaela Tempesta (per il Premio Bindi). Nei due giorni del 5 e 6 ottobre ci sara’ anche una Fiera della Editoria Indipendente a cura di Massimo Roccaforte , l’Acoustic Guitar Village e una Fiera del Vintage e del Mercatino Usato curata da Serena Cantagalli

Sabato sera a Faenza ci sarà la Notte Bianca, durante la quale concerti e premiazioni animeranno tutta la cittadina. L’appuntamento principale è in Piazza del Popolo, con i concerti di MORGAN e i NEGRITA. A condurre la serata sarà Lorenzo Baglioni, insieme a Radio Bruno. Tra gli ospiti in ci saranno anche Tolo Marton, decano dell’Italian Blues, i Deschema, come miglior band autoprodotta all’ultimo Sanremo Giovani e tantissimi altri nomi che riempiranno la citta’ come i finalisti di Materiale Resistente 2.0 che vedra’ esibirsi i Nuju, Sine Frontera, Radio Babylon, Daltrocanto e tante altre band. Mentre al Palazzo delle Esposizioni si terra’ l’importante presentazione del progetto Napule’s Power con i Cantori di Carpino e Francesca Fariello preceduto da un ricordo di Paolo Morelli, leader degli Alunni del Sole, sempre originari di Napoli. Si suonera’ in oltre 30 punti a Faenza tra i quali all’Osteria della Sghisa con la Festa di Materiali Musicali a cura di Marco Mori con il cantautore Giuseppe Anastasi e gli artisti emergenti Malavoglia, Cesare Isernia, Alessandro Bellati, Martina Maggi, Domenico Barbera, Enrico Zambelli, Capitolo 21, Trio Kaos, Radio Londra e tanti altri, al Caffe’ Nove100 con Sgominare L’Impero, Stefano Gurioli, Luca Benedetti, all’Ale House Store con Tolo Marton, Rita Girelli e Fabio Sorti, i MoMa al Centro San Francesco in un progetto tra musica e ambiente per Friday for the Future, Marco Di Noia al Museo Carlo Zauli e tanti altri live.

Domenica 6 ottobre dalle ore 15 ci saranno esibizioni e workshop nel centro storico di Faenza, per la grande chiusura del MEI. Ci sarà la finale del concorso MEI Superstage che porta sul palco le migliori novità emergenti del panorama indipendente insieme alle band del circuito “Falla Girare!”  della Rete dei Festival e le esibizioni dei vincitori del contest “Giovani Talenti della Terra di Romagna”: Balto, Argento, OOTB, Rosaspina, Silk e Lucertole sostenuto dalla Regione Emilia Romagna e il palco centrale in Piazza del Popolo dalle ore 15 vedra’ la presenza prestigiosa come ospiti live di Paolo Benvegnu’, Petra Magoni e gli Street Clarks insieme a tantissime band emergenti presentate dalla Red & Blue per l’Uniweb Tour. Verrà premiata anche Greta per il miglior videoclip emergente dell’anno insieme a Fulminacci  vincitore delPIVI”, Premio Italiano Videoclip Indipendentecoordinato dal MEI con Fabrizio Galassi e Riccardo de Stefano, in collaborazione con Biennale MArteLive – Sezione Videoclip. Riceverà un riconoscimento anche il vincitore del contest Un racconto in pentagramma”, il concorso per racconti sulla musica in cinque righe quest’anno dedicato al tema “Quella volta al concerto”, a cura dello scrittore Cristiano Cavina. Infine, Piazza del Popolo, Teatro Masini, Piazza Martiri della Liberta’ e Palazzo delle Esposizioni saranno, come sempre, teatro di concerti e musica dal vivo il 5 e il 6 ottobre in un grande week end di grande musica emergente italiana grazie alle proposte che arrivanon dalle etichette discografiche indipendenti di AudioCoop, dai contest della Rete dei Festival e dagli artisti indipendenti associati ad AIA. Inoltre in tale occasione,  verranno presentati i risultati degli Stati Generali della Musica Emergente dopo tre incontri a Roma, Milano e Napoli che hanno cpoinvolto oltre 400 operatori del settore, e dopo le partite fatte per i Mondiali Antirazzisti e per We Love Football, sara’ presentato ufficialmente il progetto per la NAIA – Nazionale Artisti Indipendenti Associati che ha gia’ ben figurato in due partite, tra le quali quella contro le Vecchie Glorie del Bologna FC.

Il MEI è la più importante manifestazione dedicata alla scena musicale indipendente italiana che chiude la stagione dei festival estivi. Fin dalla prima storica edizione, la manifestazione, fondata e diretta da Giordano Sangiorgi, è stata la piattaforma di lancio della nuova scena indipendente italiana con artisti che sono diventati pilastri della musica in Italia (tra gli altri Afterhours, Bluvertigo, Marlene Kuntz, CSI, Pitura Freska, Baustelle, Caparezza, Negramaro, Perturbazione, Marta sui Tubi, Offlaga Disco Pax e tanti altri) e ha premiato emergenti oggi considerati punte di diamante della nuova scena artistica del nostro Paese (come ad esempio, Ermal Meta, Brunori Sas, Lo Stato Sociale, Ghali, Canova, Calcutta, Zibba, Mirkoeilcane, Le Luci della Centrale Elettrica, Motta, Dente, Colapesce, Cosmo e tanti altri). Tanti sono stati anche gli artisti che hanno mosso i loro primi passi proprio al MEI, come ad esempio Daniele Silvestri che nel 1997 allestì un suo stand espositivo e lo scorso anno ha festeggiato 20 anni di carriera, e, più recentemente i Maneskin, che al MEI di Faenza hanno realizzato una delle loro primissime esibizioni fuori da Roma, solo per citarne alcuni.

Durante i suoi 25 anni di attività, il MEI, insieme a tutte le sue attività live collaterali, ha registrato un totale di oltre 1 milione di presenze, la partecipazione di 10mila tra artisti e band dal vivo, 5 mila realtà musicali coinvolte in expo e convegni e 1000 i giornalisti (più di 100 dal resto d’Europa) che hanno parlato del MEI contribuendo a renderla la più importante vetrina della nuova e nuovissima musica italiana. Per ogni euro pubblico investito sul MEI la citta’ di Faenza ha avuto un ritorno di 7 euro: il MEI è quindi anche un moltiplicatore economico e turistico unico sul territorio. Negli ultimi anni le presenze turistiche sono aumentate del 30%. Si tratta dell’unico festival non televisivo presente quest’anno al Tavolo della Rai su Musica e Sanremo nel servizio pubblico radio e tv.

“Creatività artificiale”: invenzioni e opere artistiche create da robots “intelligenti”, Roma, LUISS, 15 ottobre 2019

Luiss School of Law

Evento organizzato in collaborazione con l’Osservatorio di Proprietà Intellettuale, Concorrenza e Comunicazioni
(OPICC/Luiss DREAM)

Martedì 15 ottobre 2019, ore 10:00, Sala delle Colonne, viale Pola 12
“Creatività artificiale”: invenzioni e opere artistiche create da robots “intelligenti”
Una nuova sfida del diritto dell’innovazione

Programma:

Ore 9:30 Registrazione

Presiede
Gustavo Olivieri
Luiss

Introduzione
Gustavo Ghidini
Luiss

Relazione generale
Il quadro dottrinale e giurisprudenziale in prospettiva comparatistica
Giorgio Spedicato
Università di Bologna

Coffee break

Interventi

Copyright su opere artistiche?
Massimo Maggiore
Università Bocconi

Le invenzioni dei robots self learning
Amalia Luzzati
OPICC/Luiss DREAM

Le responsabilità per violazione di diritti di proprietà intellettuale
Alessandro Massolo
OPICC/Luiss DREAM

Q&A

Conclusioni
Mario Libertini
La Sapienza Università di Roma

Si consiglia di prenotare il posto a sedere, scrivendo a: osservatorioproprietaintellett@luiss.it

WIPO International Conference on Copyright Limitations and Exceptions for Libraries, Archives, Museums and Educational & Research Institutions, Ginevra (Svizzera), 18 e 19 ottobre 2019

The Conference aims at enriching the discussion on the subject of copyright limitations and exceptions with the participation of stakeholders from government, civil society, intergovernmental organizations, non-governmental organizations, and experts in the field of libraries, museums, archives, and educational and research institutions.

To find out more about the event and how to participate, please visit the conference website.
  
Date: October 18-19, 2019

  • Place: WIPO Headquarters, Geneva, Switzerland
  • Registration is free of charge
  • Interpretation will be available in Arabic, Chinese, French, Russian and Spanish.

Diritto d’autore e biblioteche, Novara, 17 ottobre 2019

AIB Piemonte organizza il corso:

Diritto d’autore e biblioteche: legislazione europea e nazionale
Data e ora: 17 ottobre 2019, 9.30-13.00 / 14.00-17.30

Sede: Università del Piemonte Orientale, centro di ricerca Ipazia (sala conferenze a pianterreno), corso Trieste 15/A, Novara

Durata del corso: 7 ore

Docente: Rosa Maiello

Area tematica e codice OF: Diritto d’autore; Diritto in materia di biblioteche, archivi, beni culturali; Editoria digitale. OF 7

Qualificazione EQF: 6

Per partecipare è necessario iscriversi entro il 15 ottobre 2019

Programma:

Finalità del sistema del diritto d’autore tra diritti esclusivi, eccezioni e limitazioni e mercato:

informazione come diritto e come mercato;
politiche pubbliche per la conoscenza;
diritto d’autore e diritti umani;
diritto d’autore ed economia digitale;
il mercato dei contenuti e dei servizi: editoria generale ed editoria specializzata (editoria per lettori con particolari esigenze; pubblicazioni didattiche; editoria scientifica; le piattaforme di servizi; informazione del settore pubblico e gli organismi pubblici come editori digitali);
la riconfigurazione del ciclo di vita dei prodotti dell’ingegno;
diritto d’autore e open access.
Fonti del diritto d’autore:

Trattati e organismi internazionali
Direttive comunitarie
Leggi e regolamenti nazionali
Soft law e lex mercatoria
Contratti di licenza e licenze unilaterali
Digital rights management e misure tecnologiche di protezione (tutelate)
Profili evolutivi: il dibattito in WIPO e nell’Unione Europea; le recenti riforme europee ( in particolare: norme europee e nazionali di recepimento del Trattato di Marrakesh per
facilitare l’accesso a persone cieche e con difficoltà di lettura; direttiva sul diritto d’autore nel mercato unico digitale).
Oggetto e durata del diritto d’autore:

le opere creative dell’ingegno
categorie di opere protette
durata della protezione.
Titolarità, contenuti, trasferimento e utilizzazione economica dei diritti d’autore:

paternità e proprietà intellettuale
diritti morali e diritti patrimoniali (e differenze tra diritto continentale
l’autore e i suoi aventi causa: Contratto di edizione e licence to publish – L’editore, il datore di lavoro e il committente – Licenze Open content
casi specifici: opere inedite; opere fuori commercio; opere orfane; rielaborazioni e User generated content
gestione collettiva dei diritti: mandato legale, mandati volontari, licenze collettive estese.
titolarità e gestione dell’informazione pubblica e dei dati di ricerca
Autore, intermediari, pubblico.
I diritti degli altri e i limiti al diritto d’autore:

pubblico dominio
diritti dei legittimi acquirenti della copia e di chi vi abbia accesso legittimo
diritto della concorrenza e limiti agli abusi di posizione dominante
diritti dei terzi menzionati o ritratti nell’opera;
diritti delle persone con disabilità
diritti e doveri delle biblioteche e di altri istituti culturali: promozione culturale, accesso a lungo termine, conservazione, digitalizzazione; eccezioni e limitazioni a favore delle biblioteche e della ricerca;
i diritti sulle fotografie digitali e sulle versioni digitalizzate di opere creative;
prestito bibliotecario, ILL, e-lending;
utilizzazioni a scopo di didattica e ricerca
utilizzazioni nell’ambito di procedimenti amministrativi o giudiziari
diritto d’autore e appalti pubblici;
accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica;
recenti sentenze della Corte di Giustizia dell’UE;
Agenda digitale e prospettive di riforma:
la proposta di direttiva Diritto d’autore nel mercato unico digitale
le raccomandazioni UE in materia di Cultura aperta, Scienza aperta, Amministrazione aperta

Per ulteriori info e iscrizione, clicca qui

Domenico Piccichè, Elementi di Diritto d’Autore e dello Spettacolo – Guida per l’artista

ACQUISTA SU AMAZON

NUOVA EDIZIONE 2019

Questo libro vuole essere un mezzo per una presa di coscienza del ruolo e della funzione dell’artista (sia

esso autore o interprete) e in generale del lavoratore dello spettacolo nel contesto socio-economico-giuridico
italiano. È rivolto in particolare agli studenti universitari, delle Accademie e dei Conservatori di musica che
affrontino nel loro percorso lo studio del diritto e della legislazione dello spettacolo.

  • Copertina flessibile: 184 pagine
  • Editore: Volontè & Co; 2 edizione (1 gennaio 2015)
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8876655204
  • ISBN-13: 978-8876655203

ACQUISTA SU AMAZON

Daniele Marongiu, Il Copyright su Internet. Le regole e i mezzi di tutela della proprietà intellettuale di internet

ACQUISTA SU AMAZON 

DANIELE MARONGIU
IL COPYRIGHT SU INTERNET. Come proteggere la proprietà intellettuale
su siti, blog e social network

Questa nuovissima Guida si configura come uno strumento indispensabile per il Professionista nei casi di tutela di creatori o utilizzatori di opere originali e dall’uso indebito su Internet dell’opera autorale all’interno di siti, blog o social network.

Il testo fornisce indicazioni per distinguere i piani di protezione e utilizzo della proprietà intellettuale e chiarisce le nuove forme di sfruttamento dell’opera e i conseguenti diritti di tutela.

INDICE:

PARTE I – LE REGOLE DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE E LA RETE
Capitolo I – Mappa normativa
1. Considerazioni introduttive: la proprietà intellettuale negli spazi della Rete
2. Le basi storico-normative e le convenzioni internazionali
3. La normativa italiana
4. La regolazione europea
Capitolo II – Le regole di base del copyright e la loro applicazione alla rete Internet
1. Profili introduttivi
2. Definizione del diritto d’autore in senso morale e in senso patrimoniale
3. L’oggetto del diritto: le opere
4. La questione specifica delle fotografie e dei ritratti
5. Le opere originali, le opere derivate e le parodie
6. L’acquisizione del diritto e la dimostrazione della sua esistenza
7. La durata del copyright
8. Norme relative a casi particolari
9. La durata dei diritti connessi, e in particolare dei diritti sulle semplici fotografie
10. Le norme estere e il criterio per la risoluzione delle controversie
11. La riproduzione dell’opera in Rete: la liceità del collegamento ipertestuale e dell’“embedding”
12. Il “diritto al link” in ambito giornalistico nella nuova direttiva europea sul copyright
13. La condivisione di contenuti nei social network e al di fuori di essi
Capitolo III – La violazione del copyright in Rete: i rimedi, le tutele e le sanzioni
1. La tutela amministrativa: la rimozione dal web dei contenuti che violano il copyright
2. Il procedimento per la rimozione selettiva dei contenuti
3. La tutela civile per la violazione del diritto d’autore in Rete
4. Il risarcimento del danno e la responsabilità del provider
5. La responsabilità civile nei social network e nelle piattaforme di content sharing
6. La violazione del copyright in Rete e la tutela penale
7. Le procedure di controllo di violazione di copyright interne ai social network
8. La direttiva europea del 2019 e l’introduzione dei controlli
obbligatori in ingresso
PARTE II – OLTRE IL COPYRIGHT: LA RETE “LIBERA”
Capitolo IV – L’eccezione al copyright: il “fair use”
1. Aspetti introduttivi
2. L’uso legittimo di opere soggette al copyright: il “fair use”
3. La normativa generale italiana sull’uso legittimo
4. Il diritto di citazione
5. La libera riproduzione degli articoli di giornale e la sua estensione al web
6. Le norme specifiche sul libero utilizzo di immagini e brani musicali in Internet
7. Uso legittimo e anonimato; il caso dei “meme” nei social network
Capitolo V – L’assenza del copyright: il pubblico dominio
1. Profili introduttivi
2. Il pubblico dominio per scadenza dei termini
3. Possibili controversie circa il pubblico dominio delle opere straniere
4. Il pubblico dominio per disposizione di legge
5. Il pubblico dominio per legge negli altri Paesi
6. Pubblico dominio, opere originali e opere derivate
7. Copyright, pubblico dominio e marchi commerciali
8. Considerazioni conclusive: dal pubblico dominio al permesso d’autore
Capitolo VI – La rinuncia al copyright: il copyleft
1. Il copyleft come linea di pensiero e come soluzione giuridica
2. Primo antefatto: la nascita del software libero
3. Secondo antefatto: la nascita del world wide web
4. Terzo antefatto: la normazione sul diritto d’autore alla fine degli anni Novanta
5. La sintesi: l’era di Internet e la ricerca di nuovi paradigmi
6. Il copyleft come via intermedia fra il pubblico dominio e il copyright
7. Le licenze Creative Commons
8. Le quattro clausole e la loro composizione
9. La licenza CC0: il pubblico dominio per rinuncia spontanea al copyright
10. Il copyleft collaborativo: le realtà wiki e il loro regime giuridico
11. La violazione del copyleft nei sistemi wiki e la gestione delle controversie
12. Il copyleft istituzionale: i dati aperti
13. La licenza dei dati aperti, le responsabilità e le tutele
PARTE III – GUIDA ALLA RICERCA DI CONTENUTI LIBERI DA DIRITTI IN RETE
Capitolo VII – Ricerca di immagini libere da diritti
1. Premessa generale
2. Flickr
3. Pixabay
4. Wikimedia Commons
5. Pexels
6. Unsplash
7. Google Images
8. NASA Images
Capitolo VIII – Ricerca di testi liberi da diritti
1. Intratext
2. Liber Liber
3. Progetto Gutenberg
4. Feedbooks
5. Wikisource
Capitolo IX – Ricerca di contenuti multimediali liberi da diritti
1. Vimeo
2. Videezy
3. Jamendo Music
4. Musopen
PARTE IV – APPENDICE NORMATIVA
• Regolamento in materia di tutela del diritto d’autore sulle reti di comunicazione elettronica e procedure attuative ai sensi del decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70
• Facsimile dell’istanza ai sensi dell’articolo 6 del regolamento approvato con delibera n. 680/13/CONS

Daniele Marongiu, insegna informatica giuridica all’Università di Cagliari, dove è ricercatore in Diritto Amministrativo nel Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali. Collabora con le Università di Castilla La Mancha (Toledo) e di Santiago de Compostela. Si occupa, sia in ambito accademico che extra-accademico, di ricerca, didattica e formazione sulle tematiche del diritto di Internet, dell’amministrazione digitale, della trasparenza istituzionale e dei profili giuridici connessi all’innovazione tecnologica.

ACQUISTA SU AMAZON 

Direttiva Copyright: Mogol incontra Sassoli al Parlamento Europeo

Il 26 settembre scorso il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli ha incontrato il Presidente SIAE Giulio Rapetti Mogol a distanza di sei mesi dall’approvazione da parte dell’Europarlamento – lo scorso 26 marzo – della Direttiva sul diritto d’autore nel mercato unico digitale. Dall’incontro è emersa una totale condivisione rispetto alla necessità di adottare rapidamente la Direttiva anche in Italia.

Il Presidente Sassoli ha dichiarato: “Sul tema del diritto d’autore, il Parlamento Europeo ha fatto la propria parte: adesso tocca ai parlamenti nazionali recepire la Direttiva Copyright, che garantisce a tutti il massimo di libertà e la propria autonomia nella gestione di contenuti che sono europei e che devono continuare ad essere la base di un grande patrimonio che riguarda tutti”.

Il Presidente di SIAE Mogol, soddisfatto dell’incontro avuto con Sassoli, ha ribadito: “Sul diritto d’autore in Europa abbiamo portato a casa una vittoria straordinaria, ma in Italia, incomprensibilmente, finora tutto tace, mentre il pericolo che corriamo è sempre più grave. Mi chiedo, e chiedo al Parlamento italiano, se sia ancora accettabile che questi giganti continuino a guadagnare cifre miliardarie sulle spalle dei creativi, oltre che di chi paga le tasse. Senza diritto d’autore, che è il diritto del lavoro quotidiano di chi crea, la cultura muore, e con lei muore anche l’identità del nostro Paese”.

La Blockchain nel mondo dell’arte e della moda, Roma, Maxxi, 27 settembre 2019

27 settembre 2019

MAXXI – Sala Lonardi Bontempo
Ore 10-13

LA BLOCKCHAIN NEL MONDO DELL’ARTE E DELLA MODA
LE PRIME APPLICAZIONI NELLA GESTIONE, VALUTAZIONE E VENDITA DEI BENI

Programma:

10,00

Saluti: Giovanna Melandri – Presidente, Fondazione MAXXI
Luca Pietromarchi – Rettore, Roma Tre

Introduce e modera: Pietro Barrera, Segretario Generale, Fondazione MAXXI

10,15

Smart contracts e blockchain nell’arte e nella moda: sicurezza della filiera, diritto di seguito, modifica della catena di intermediazione
Prof. Fabio Bassan – Università Roma Tre

10,45

Esempi applicativi: smart contracts dell’arte e della moda inseriti nella blockchain
Dott. Massimo Micangeli – Presidente, INTECS

11,15

Blockchain e valutazione delle opere d’arte e del patrimonio artistico: gli effetti sul piano patrimoniale e gestionale
Prof. Antonio Tarasco – Direttore, Collezioni Museali, MiBAC

11,45

Blockchain e modelli di valutazione delle opere d’arte e del patrimonio artistico
Dott. Alessandro Frezza – Partner, E&Y

12,15

Dibattito – Interventi programmati

La direttiva UE Digital Copyright, Milano, 13 settembre 2019 (convegno AIDA)

DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

XXXIV incontro di Aida

La direttiva digital copyright

Milano, venerdì 13 settembre 2019
Aula Magna, Palazzo di Giustizia
Via Freguglia 1

Programma:

Ore 9.30

Saluti
Marina Tavassi, Presidente della Corte di Appello di Milano
Cristina Campiglio, direttore Dipartimento Giurisprudenza Università di Pavia
Luigi Carlo Ubertazzi, già dell’Università di Pavia

Presiede
Davide Sarti, professore ordinario all’Università di Ferrara

Relazioni

Le eccezioni per ricerca scientifica, didattica e conservazione del patrimonio culturale
Luigi Mansani, professore ordinario all’Università di Parma

Le eccezioni per le opere fuori commercio
Giuseppe Carraro Aventi, dell’Università di Verona

La tutela delle pubblicazioni giornalistiche in caso di uso online
Marco Ricolfi, professore ordinario all’Università di Torino

Gli usi ISP di contenuti protetti
Alessandro Cogo, professore associato all’Università di Torino

La remunerazione adeguata e proporzionata
Philipp Fabbio, professore ordinario all’Università Mediterranea di Reggio Calabria

L’obbligo di trasparenza
Rosaria Romano, professore associato all’Università Chieti-Pescara

Ore 14.30

Presiede
Michele Bertani, professore ordinario all’Università di Foggia

Relazioni

Il diritto di revoca
Massimiliano Granieri, professore associato all’Università di Brescia

Il licencing collettivo
Davide Sarti, professore ordinario all’Università di Ferrara

La prevalenza “della direttiva” sulle clausole contrattuali
Fabrizio Piraino, professore associato all’Università di Palermo

L’applicazione della direttiva ai diritti connessi
Roberto Pennisi, professore ordinario all’Università di Catania

Conclude

Roberto Pardolesi, professore emerito alla LUISS

Segreteria organizzativa del convegno
prof. avv. Luigi Carlo Ubertazzi info@ubertazzi.it

Gli atti del convegno saranno pubblicati da Giuffrè Francis Lefebvre in Aida 2019

Il Convegno è accreditato:
dall’Ordine degli avvocati di Milano con 4 crediti
dall’Ordine dei Consulenti in Proprietà Industriale

Sotto l’alto patrocinio di
Parlamento Europeo
e di
Commissione UE
Rappresentanza Milano

Co-funded by the Erasmus+ Programme of the European Union
Centro di eccellenza Jean Monnet

La Direttiva Copyright, le sfide del recepimento in Italia, Roma, Biblioteca Casanatense, 11 settembre 2019

La Direzione Generale Biblioteche ed Istituti Culturali del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, in collaborazione con il CREDA (Centro di Ricerca d’Eccellenza per il Diritto d’Autore – Università Europea di Roma) e la Cattedra Jean Monnet in EU Innovation Policy annunciano il convegno dal titolo “La Direttiva Copyright, le sfide del recepimento in Italia”, che si svolgerà a Roma il prossimo 11 settembre 2019 a partire dalle ore 15,00 presso la Sala Manoscritti della Biblioteca Casanatense di Roma (Via di S. Ignazio n. 102).

Obiettivo dell’iniziativa è l’approfondimento della Direttiva copyright 790/2019/UE nella prospettiva del recepimento in Italia, con analisi dei profili evolutivi e innovativi, ed individuazione delle opzioni sistematicamente più coerenti.

In aggiunta ai Rappresentanti delle Istituzioni Italiane ed Europee, tra gli studiosi della materia interverranno Alberto Gambino, Giusella Finocchiaro, Valeria Falce, Alberto Musso, Francesco Graziadei e Stefania Ercolani.

PROGRAMMA:

Ore 15.00 Apertura registrazione partecipanti

Indirizzi di saluto
Lucia Marchi – Direttore Biblioteca Casanatense
Gianluca Vacca – Sottosegretario

Introduce:
Paola Passarelli ‐ Direttore Generale Biblioteche e Istituti Culturali
La direttiva 790/2019 primi spunti di dibattito

Marco Giorello ‐ Head of the copyright unit in the European Commission
Un pronostico sulle prossime fasi di lavoro

Giusella Finocchiaro – Ordinario di diritto privato e dell’internet Università di Bologna
La direttiva e‐commerce 2000/31 profili di intersezione con la nuova direttiva

Deborah De Angelis – Consulente giuridico
L’iter di recepimento della direttiva Copyright, gli obiettivi nazionali

Vittorio Ragonesi – Cons. di Cassazione
I mutamenti sistematici necessari per l’ordinamento interno

Valeria Falce – Jean Monnet Professor EU Innovation Policy nell’Università Europea di Roma
Il nuovo diritto connesso degli editori online

Alberto Musso – Ordinario di diritto commerciale dell’Università di Bologna
Nuove eccezioni e limitazioni

Francesco Graziadei – Professore di diritto industriale e della comunicazione Luiss Guido Carli
Nuovi regimi di responsabilità degli intermediari

Stefania Ercolani – Professore di Comparative Cultural Property Law, Università SciencesPo Parigi
Novità in tema di negoziazione individuale e collettiva

Alberto Maria Gambino – Ordinario diritto Privato ‐ Pro‐rettore Università Europea di Roma
Conclusioni

Presso il salone monumentale sarà possibile visitare la mostra “Itinerari bibliografici di diritto d’autore, 1826‐1941” a
cura di M.L. Bixio.

E’ in corso l’accreditamento per il riconoscimento di 4 crediti formativi per la formazione continua degli avvocati.

La nuova copyright directive 2019/790, Bologna, Convento San Domenico, 1 luglio 2019

LA NUOVA COPYRIGHT DIRECTIVE 2019/790
1 luglio 2019 ore 14.30/18.30

Sala della Traslazione del Convento S. Domenico Piazza S. Domenico, 13 Bologna

Programma:

Saluti
Prof. Federico Casolari
Vice Direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Bologna

Avv. Stefano Dalla Verità
Direttore della Fondazione Forense Bolognese
Introduce e coordina

Intervengono

Prof. Rosaria Romano
Professore Associato di Diritto Commerciale nell’Università G. d’Annunzio di Chieti-Pescara
DIRITTI ESCLUSIVI E DIRITTI A COMPENSO NEL NUOVO DIRITTO D’AUTORE

Prof. Avv. Valeria Falce
Jean Monnet Professor of EU Innovation Policy nell’Universita’ Europea di Roma
FAIR USE ED ECCEZIONI: INQUADRAMENTO ED IMPLICAZIONI

Prof. Stefania Ercolani
Professore Comparative Cultural Property Law nell’Università SciencesPo, Parigi
AUTORI E ARTISTI AL CENTRO DELLA SCENA (CONTRATTUALE):
UN INIZIO DI ARMONIZZAZIONE PER LA DISCIPLINA DEL TRASFERIMENTO DEI DIRITTI

Prof. Avv. Giorgio Spedicato
Professore Associato di Diritto commerciale nell’Università di Bologna
IL REGIME DI RESPONSABILITÀ DEI PRESTATORI DI SERVIZI DI CONDIVISIONE DI CONTENUTI ONLINE

Prof. Avv. Alberto Musso
Professore Ordinario di Diritto commerciale nell’Università di Bologna
DIRITTI D’AUTORE E PATRIMONIO CULTURALE

La partecipazione è libera con ISCRIZIONE OBBLIGATORIA da effettuarsi esclusivamente mediante il sistema online al sito www.fondazioneforensebolognese.it

Formazione Continua crediti attribuiti n. 4

Fondazione Forense Bolognese
Segreteria Organizzativa: Palazzo Bevilacqua Via d’Azeglio, 33 Bologna Tel. 051/6446147 fax 051/3391800 fondazioneforensebo@libero.it www.fondazioneforensebolognese.it

FIEG e Levi AIE sottoscrivono un Accordo di consultazione e azione comune: “Gli Editori per l’Editoria”

Libertà di espressione e di edizione, tutela e valorizzazione del diritto d’autore, innovazione, promozione della lettura e della crescita culturale, responsabilità sociale del lavoro e dell’impresa editoriale.”

Su questi temi, il presidente della Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG), Andrea Riffeser Monti, e il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE), Ricardo Franco Levi, hanno sottoscritto un “Accordo di consultazione e azione comune”. L’intesa, definita “Gli Editori per l’Editoria”, impegna le due associazioni a promuovere iniziative condivise di sensibilizzazione di istituzioni, amministrazioni e cittadini sulle tematiche dell’informazione e dell’editoria.

Gli Editori intendono accrescere la presenza e il ruolo dell’editoria culturale e di informazione nel tessuto produttivo del Paese. Un organo, costituito dai Presidenti e da due rappresentanti di ciascuna delle due associazioni, curerà il coordinamento delle iniziative comuni.

“L’accordo – ha commentato Andrea Riffeser Monti – costituisce un significativo passo in avanti per rispondere con accresciuta forza e rappresentatività alle sfide per la tutela della libertà di espressione, di informazione e di edizione: su temi di assoluto rilievo per il settore, gli Editori parleranno con una identica voce”.

“Abbiamo scelto di unire le forze – ha sottolineato Ricardo Franco Levi –. Insieme possiamo vincere le sfide sul piano dei contenuti e contribuire a rimettere al centro dell’agenda politica del Paese il sapere e la conoscenza”.

La tecnologia blockchain e il diritto d’autore: Miraggio o Realtà?

Ospitato dal Ministero per i Beni e le Attività culturali, (Via del Collegio Romano, 27), il primo incontro italiano dedicato agli sviluppi blockchain nel campo del diritto d’autore si terrà a Roma il 19 giugno, per iniziativa dell’associazione ALAI Italia.

La tecnologia blockchain e le applicazioni basate su “registri distribuiti” sono conosciute principalmente per la loro applicazione nella creazione della prima critpovaluta, il bitcoin.
Le industrie basate sul diritto d’autore in Italia nel loro complesso rappresentano il 2,96% del PIL e occupano circa un milione di persone, in maggioranza giovani (rapporto EY Italia Creativa 2017).

Anche per questo il blockchain è visto dagli operatori come uno strumento utile per tracciare gli usi digitali e facilitare le transazioni commerciali e non, che riguardano il copyright e la circolazione delle opere artistiche e letterarie.

Il convegno di ALAI Italia pone in evidenza come, grazie alle sue caratteristiche, la blockchain è adattabile a molteplici contesti, per una pluralità di applicazioni, non solo per gli scambi nel settore finanziario e assicurativo e per la tracciabilità della filiera produttiva agroalimentare, ma anche per lo sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale e per la corretta gestione dei dati personali.

L’attenzione per i sistemi blockchain nel diritto d’autore nei beni culturali è molto alta in questo momento perché le sue potenzialità possono essere sfruttate sin d’ora per la creazione di database delle opere e dei materiali protetti. Nel settore dei beni culturali, queste tecnologie sono utilizzate in concreto dalle istituzioni a tutela del patrimonio, le cosiddette GLAM (Gallerie, Librerie, Archivi e Musei) per mettere a disposizione il proprio materiale in formato digitale, garantendo la tracciabilità del riuso delle riproduzioni e fornendo precisi report agli investitori.

Per il MiBAC aprirà i lavori il Sottosegretario on. Gianluca Vacca, seguito da rappresentanti della Commissione Europea e da accademici di livello internazionale. La sessione del mattino sarà presieduta dal prof. Vincenzo Franceschelli e la sessione del pomeriggio dal direttore della Rivista del Diritto d’Autore, avv. Giorgio Assumma.

Dopo un’introduzione sulle caratteristiche e le prospettive della tecnologia Blockchain, da un punto di vista squisitamente tecnico, saranno presentate tre relazioni generali sui profili giuridici, con un fuoco specifico sul diritto d’autore e sui diritti connessi. Il pomeriggio sarà dedicato a relazioni sulla possibile declinazione della tecnologia Blockchain nei diversi settori industriali che si basano sul copyright.

Il programma completo è pubblicato qui. Per la partecipazione è previsto il riconoscimento di 7 crediti formativi dell’ordine degli Avvocati.

Anche gli YouTuber devono rispettare il copyright: Mumbo Jumbo accusato di sampling non autorizzato

Mumbo Jumbo, famoso youTuber inglese, ha ricevuto in un solo giorno centinaia di email di contestazione per violazione di copyright, al ritmo di 30 al minuto, per avere utilizzato illecitamente opere tutelate o per meglio dire dei sampling non autorizzati di opere musicali tutelate.

Lo YouTuber, che vanta oltre 3 milioni di follower, si occupa prevalentemente di realizzare video tutorial sul videogioco Minecraft (che pare abbia superato Tetris tra i giochi più venduti di tutti i tempi), e nella specie avrebbe abbinato agli stessi brani che utilizzavano dei sampling di brani di proprietà di Warner Chappel Music.

In particolare si tratta di “Can’t stop me” e “April Showers” che ha realizzato il produttore francese ProleteR, licenziandoli effettivamente a Mumbo Jumbo per l’uso nei video; ma pare non fossero stati altrettanto acquisiti e ceduti quindi allo YouTuber i diritti sui brani oggetto di campionamento, contenuti nelle sopra menzionate opere.

Il sampling o campionamento è il riutilizzo di una porzione (o campione) di una registrazione audio in un’altra registrazione, campioni che possono comprendere ritmo, melodia, parlato o altri suoni.

Comprendono quindi per un verso l’utilizzo dell’opera e per altro della registrazione (fonogramma); quindi, il campionamento non autorizzato costituisce violazione sia i diritti d’autore che dei diritti del produttore fonografico.

Nel caso di specie, i campioni sarebbero stati utilizzati come colonna sonora dei video di Mumbo Jumbo, che quindi, per rispondere e eventualmente difendersi dalle accuse, sarà costretto a rivedere tutto il proprio copioso catalogo di video, che pare siano più di 400, prodotti a partire dal 2012.

Le mail che lo hanno invaso erano probabilmente automatiche, inviate dal sistema automatizzato di Content ID di YouTube, a fronte di video individuati e contrassegnati come illeciti per violazione del copyright.

I titolariqualificati” di copyright come l’editore musicale Warner Chappel, godono infatti di un servizio automatizzato che oltre a “scannerizzare” i contenuti dei video caricati per verificare eventuali violazioni, possono anche altrettanto prontamente decidere di bloccare, monetizzare o semplicemente limitarsi a tracciare i video medesimi.

Ovviamente il destinatario di contestazioni ha il diritto di difendersi, per rimuovere l’incertezza nel più breve tempo possibile, considerando che corre il rischio di perdere la possibilità di monetizzare i propri contenuti.

I reclami ripetuti in ordine alla violazione di copyright hanno conseguenze più significative, perché può scattare per gli autori un divieto permanente dal caricamento futuro, con rimozione di tutti i video e forzata chiusura del canale.

Allo stato, Mumbo Jumbo ha consigliato a tutti gli altri YouTuber di assicurarsi di avere una autorizzazione completa sui brani che utilizzando nei propri video.

#sampling #campionamento #youtuber #abbinamento #colonnasonora #webinar #violazione #dirittodautore #diritticonnessi #musica #produttore

Pubblicate le nuove linee guida su acquisizione e riuso di software per le pubbliche amministrazioni

Sul sito dell’Agenzia per l’Italia digitale e’ stata pubblicata
la determinazione n. 115 del 9 maggio 2019 con la quale sono state
adottate le «linee guida su acquisizione e riuso di software per le
pubbliche amministrazioni»:
 
Le linee guida, emesse ai sensi dell’art. 71 del decreto
legislativo 7 marzo 2005, n. 82 e della determinazione AgID n. 160
del 2018 recante «regolamento per l’adozione di linee guida per
l’attuazione del Codice dell’amministrazione digitale», sono adottate
in attuazione dagli articoli 68 e 69 del codice dell’amministrazione
digitale.

Inoltre sostituiscono la precedente circolare 63/2013, intitolata
«linee guida per la valutazione comparativa prevista dall’art. 68 del
decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 codice dell’amministrazione
digitale» e relativi allegati.

Qui per scaricare il PDF delle Linee Guida

CISAC: SIAE confermata nel Board of Directors

L’Assemblea Generale di CISAC, la Confederazione Internazionale delle Società di Autori e Compositori, riunita a Tokyo, ha confermato SIAE tra le 20 Società che faranno parte del Board of Directors per il triennio 2019-2022. Oltre al Board of Directors, SIAE è stata eletta all’interno dell’EGC (Executive Governance Committee).

È il risultato del lavoro svolto in questi anni dalla nostra Società e la conferma, anche a livello internazionale, del ruolo e delle posizioni che le competono”. Con queste parole il Direttore Generale di SIAE Gaetano Blandini, da Tokyo, ha commentato il successo della Società nell’Assemblea appena conclusasi.

I lavori sono stati organizzati dalla Japanese Society for Rights of Authors, Composers and Publishers (JASRAC), che ospita l’evento in occasione dei suoi 80 anni di attività.

L’Assemblea Generale, aperta dal saluto del Primo Ministro del Giappone Shinzō Abe, ha visto la partecipazione di oltre 250 tra autori e direttori, in rappresentanza di tutti i repertori e di tutte le aree geografiche.

Alla guida del Board CISAC è stato designato Marcelo Castello Branco della brasiliana UBC; Asaishi Michio di JASRAC and Patrick Raude della francese SACD ricopriranno invece la carica di vice-presidenti.

Oltre a SIAE, faranno parte del Board le società di autori APRA (Australasia), ARTISJUS (Ungheria), ASCAP (USA), Bildupphovsrätt (Svezia), BMI (USA), GEMA (Germania), JASRAC (Giappone), KOMCA (Repubblica di Corea), LIRA (Paesi Bassi), ONDA (Algeria), PRS for Music (Regno Unito), SACD (Francia), SACEM (Francia), SACM (Messico), SADAIC (Argentina), SAMRO (Repubblica Sudafricana), SOCAN (Canada), UBC (Brasile) e VEGAP (Spagna).

CISAC, la Confederazione Internazionale delle Società di Autori e Compositori, è un’organizzazione non governativa e senza scopo di lucro con sede a Parigi. Fondata nel 1926 per la tutela del diritto d’autore nel mondo, CISAC raggruppa 239 Società di Autori appartenenti a 122 Paesi e rappresenta oltre 4 milioni di creatori per tutti i repertori artistici. CISAC è impegnata nella diffusione dei principi fondanti del diritto d’autore, nella promozione della tutela dei diritti dei creatori di tutto il mondo e nel coordinamento delle attività dei propri membri, anche mediante la definizione di standard internazionali che favoriscano gli scambi di informazioni e dati fra le Società.

La tecnologia blockchain e il diritto d’autore: Miraggio o Realtà?, Roma, Mibac, 19 giugno 2019 (convegno ALAI)

Roma, 19 Giugno 2019
Sala Spadolini
Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Collegio Romano

La tecnologia blockchain e il diritto d’autore: Miraggio o Realtà?

Programma:

h. 9.00 Registrazione dei partecipanti

h. 9.30 Saluto del Sottosegretario On. Gianluca Vacca Ministero Beni e Attività Culturali
Benvenuto ALAI Italia

Sessione I: Perché questo convegno?
Presiede Prof. Vincenzo Franceschelli (Professore di Diritto Privato Università Milano Bicocca, Direttore della Rivista di Diritto Industriale Of Counsel Studio Rucellai&Raffaelli)

h.10.00
Giacomo Cosenza (Presidente Sinapsi)
Laura Ricci (Professore P2P and Blockchain, Dipartimento Informatica Università Pisa, Membro del Gruppo di Esperti Blockchain Ministero dello Sviluppo Economico)
La natura e le caratteristiche della tecnologia Blockchain e dei registri distribuiti

h.10.50
Francesco Vinci (Unità Diritto d’Autore DG Connect – Commissione Europea)
The European Observatory and Forum on Blockchain

h.11.20
Deborah De Angelis (Avvocato, Consigliere per il diritto d’autore del Ministro per le Attività e i Beni Culturali)
Prova dell’esistenza dell’opera, authorship e catena dei diritti

h.11.50 Pausa

h.12.00
Daniel Gervais (Professore di Information Law, IVIR, Università di Amsterdam e Milton R. Underwood Chair in Law, Vanderbilt University, Nashville)
Blockchain and smart contracts: the missing link in copyright licensing?

h.12.30
Pedro De Miguel Asensio (Professore Diritto Internazionale Privato Universidad Computense Madrid)
Blockchain contracts: International Jurisdiction, Applicable Law and Enforcement

h.13.00 Q & A

h. 13.15 Lunch break

h.14.00
Sessione II: Prospettive nel prossimo futuro
Presiede Prof. Giorgio Assumma (Avvocato, Professore Università Roma 3, Direttore della Rivista “Il diritto d’autore”)

h. 14.10
Matteo Fedeli (Direttore Divisione Musica SIAE) tbc
La tecnologia blockchain e la gestione collettiva dei diritti

h.14.30
Gianluca Campus (Senior Legal Counsel, Co-Editor Medialaws)
La tecnologia blockchain e l’industria audiovisiva

h.14.50
Christian Collovà (Avvocato LegaIInternational)
La tecnologia blockchain e l’industria musicale

h.15.10
Stephanie Rotelli (Avvocato M&R Europe)
La tecnologia blockchain e le tecnologie per l’enforcement online

h.15.30
Angela Saltarelli (Avvocato Studio Chiomenti)
La tecnologia blockchain per le opere d’arte: tokenizzazione, autenticità ed altre meraviglie

h.15.50
Piero Attanasio (AIE – Associazione Italiana Editori)
Comunicare i dati sui diritti: tecnologie blockchain e le sfide della nuova direttiva diritto d’autore

h.16.10 Q & A

h.16.30
Stefania Ercolani (Professore Comparative Cultural Property Law Università SciencesPo, Parigi)

Conclusioni

Registrazione online: info@alai-italia.it
Riconoscimento crediti formativi Ordine degli Avvocati in corso

Il diritto della fotografia, corso AIB, Trieste, 19 giugno 2019

Il diritto della fotografia
Corso di aggiornamento

organizzato dal Comune di Trieste in collaborazione con la Sezione AIB FVG

a cura del prof. Roberto Caso

Trieste, 19 giugno 2019, 8.30 – 12.30 / 13.30 – 17

Sede

Palazzo Gopcevich, via Rossini 4, Trieste

Destinatari:

associati alla Sezione AIB FVG
personale in servizio presso le biblioteche e gli archivi della rete regionale FVG (biblioteche aderenti a sistemi bibliotecari, biblioteche di interesse regionale, singole biblioteche pubbliche e private aperte al pubblico, archivi)
volontari impegnati a supporto del personale in servizio presso le biblioteche, archivi
Tipologia: Corso avanzato

Area tematica e codice OF: 7 Area legislazione / 7.7 Normativa sul diritto d’autore

Docente

prof. Roberto Caso

Scopo

Il seminario intende fornire gli strumenti e le buone pratiche per il trattamento del materiale fotografico in biblioteche e archivi.

Contenuti

Il Seminario è dedicato al diritto della fotografia e al rispetto delle norme riguardanti la privacy, di fronte al dilagare dei mezzi di produzione e diffusione di immagini fotografiche. Lo scopo è quello di approfondire il quadro delle fonti normative e i limiti del diritto d’autore in rapporto alle prerogative degli archivi documentali e fotografici, delle biblioteche e degli istituti che conservano questa tipologia di materiale.

Il programma del corso prevede:

– Il diritto dell’era digitale: diritto d’autore e protezione dei dati personali
– Opere fotografiche e fotografie
– Il ritratto
– Cenni al GDPR
– Verifica dell’apprendimento (caso, problema, soluzione)

OBIETTIVI FORMATIVI- Metodologia didattica

A. CONOSCENZE Lezioni in aula

B. CAPACITA’ Verifica dell’acquisizione delle competenze

Costi:

La partecipazione è gratuita per gli iscritti AIB e per UN PARTECIPANTE per ente degli ENTI CHE HANNO SOTTOSCRITTO IL PROTOCOLLO DELLA RETE DELLE FOTOTECHE (CRAF, Comune di Udine, fototeca dei Civici Musei di Storia ed Arte, Università degli studi di Udine DIUM, Centro studi Nediža, Fototeca Carnia Fotografia, Consorzio Culturale del Monfalconese).

Per tutti gli altri il costo è di € 90 + IVA se dovuta

Pagamento
il pagamento può essere effettuato secondo le seguenti modalità:

In contanti direttamente all’inizio del corso;
con bonifico bancario intestato a: Associazione Italiana Biblioteche – Unicredit, Ag. Roma Orlando IBAN: IT14W0200805203000400419447 e causale: COGNOME – Corso Promozione Ragazzi.
Con fattura intestata all’ente.
Attestato e certificazione

A tutti i partecipanti verrà rilasciato l’attestato di frequenza previo superamento del test di fine corso utile ai fini della qualificazione professionale, ai sensi dell’art. 5 del Regolamento d’iscrizione all’AIB.
La partecipazione al corso è valevole per il riconoscimento dei crediti richiesti per l’attestazione professionale AIB. Ai partecipanti sarà chiesto di compilare un test per la verifica del loro grado di apprendimento rispetto al raggiungimento degli obiettivi formativi dichiarati e un test di valutazione del corso.

Iscrizione

Tutto coloro che desiderano partecipare dovranno scrivere alla mail: callegari@aib.it (se vuoi che ti faccia da segreteria) indicando:

nome e cognome
data di nascita
sede di lavoro
indirizzo della sede di lavoro
indirizzo di posta elettronica (preferibilmente un indirizzo personale, non con dominio istituzionale)
recapito telefonico (cellulare)
se iscritti all’AIB

Link alla pagina del sito AIB