Home » Giorgia Crimi

Giorgia Crimi

Avvocato, opera nel settore musica e media, collabora con lo Studio legale d'Ammassa & Partners. Legal coach per artisti, cantante jazz, compositrice e autrice musicale.

Aperte le iscrizioni alla X Edizione del Premio “Musica contro le Mafie”

È stato pubblicato il bando della decima edizione del Premio “Musica contro le Mafie”.

Organizzato dall’Associazione Musica contro le mafie, della rete Libera, di Don Luigi Ciotti, con il supporto inter alia di SIAE, il concorso intende promuovere al pubblico e agli addetti ai lavori musica dai contenuti formativi e socialmente impegnati.

Possono partecipare cantautori, rapper, band senza limitazioni di genere musicale.
Il tema di quest’anno è #oltreiconfini, affinché la musica possa costituire volano di armonia anche nella direzione della promozione dell’integrazione sociale nella diversità.

L’iscrizione è gratuita.
Il bando scade il 31 ottobre 2019.

Per ogni ulteriore informazione, clicca qui. 

#premiomusicale #autori #editori #artisti #cantanti #rapper #bandmusicali #uguaglianza #impegnosociale #lottaallemafie #dirittoautore #copyright #AvvisoPubblico #Legambiente #CasaSanremo #ClubTenco

Convegno “Direttiva copyright, le sfide del recepimento in Italia”, Roma, 11 settembre 2019

Sarà la cosiddetta direttiva copyright l’argomento del convegno che si terrà a Roma il prossimo 11 settembre 2019, patrocinato da MIBAC e dal CREDA.
Il tema che sarà affrontato in particolare sarà quello del suo recepimento in Italia.

Molti sono i profili attualmente oggetto di dibattito e di studio.
Infatti se per un verso la direttiva europea in oggetto ha avuto il merito di adeguare alle nuove frontiere del web il diritto d’autore, per altro verso sono svariate le questioni aperte che il legislatore sarà tenuto ad affrontare in sede di recepimento, prima fra tutte quali gli strumenti tecnici per assicurare l’effettività delle norme che saranno introdotte.

Leggi il programma dell’evento.


#dirittoautore #copyright #direttivacopyright

Il caso della fotografia del sorriso di Gigi Hadid e la “riscrittura” delle leggi sul diritto d’autore

La modella Gigi Hadid è stata citata in giudizio per violazione del diritto d’autore: la stessa ha ripubblicato sul proprio account Instagram una delle immagini che la ritraevano, scattate da un fotografo dell’agenzia Xclusive-Lee.

La modella si è difesa assumendo che la pubblicazione dell’immagine costituisca un uso legittimo perché la stessa avrebbe contribuito alla foto per il “sorriso” prestato e la posa.

Hadid sostiene che sia ingiusto negare il diritto ai fan di ripubblicare le foto, solo perché tutelate dal copyright.

Hadid innanzitutto ricorre al fair use, sostenendo tramite i propri avvocati che la ripubblicazione rifletta uno scopo personale, in questo diverso da quello del fotografo, che è invece quello di sfruttare commercialmente la sua popolarità.

Per contro, gli avvocati di Xclusive affermano che anche l’utilizzo della foto da parte della modella sia di tipo commerciale, considerando il vantaggio commerciale che ottiene dall’incremento dei fan.

In secondo luogo, gli avvocati della modella sostengono che la fotografia non potesse essere tutelata come opera creativa e che in ogni caso gli elementi di originalità, se presenti, sarebbero il sorriso e la posa, frutto ovvero del contributo del soggetto ritratto, circostanza che porterebbe quindi a ritenere la Hadid coautrice dell’immagine stessa.

Gli avvocati dell’agenzia rispondono che per contro la foto sia opera creativa quanto a tempi dello scatto, illuminazione, angolo visuale, etc., oltre a permesso che il fotografo ha dovuto ottenere per operare in quel luogo.

In terzo luogo, la Hadid afferma che solo il 50% della fotografia originale sia stato utilizzato, circostanza comunque contestata dalla controparte anche puntando alla rilevanza della qualità piuttosto che della quantità dell’immagina utilizzata.

Hadid nega altresì di avere causato alcun danno, soprattutto considerando che l’immagine fosse già disponibile on line.

Per contro l’agenzia rileva che la pubblicazione sull’account della modella oltre a determinare una perdita (il compenso per la licenza), crea uno svantaggio concorrenziale in danno dell’agenzia.

Forse l’argomento più controverso è il contributo che avrebbe dato la modella agli elementi creativi dell’immagine.

Sul punto, l’agenzia afferma che l’approccio della Hadid è allarmante per il suo palese tentativo di riscrivere la dottrina consolidatasi sull’argomento.

Pare che Kim Kardashian abbia all’uopo risolto il problema assumendo il suo fotografo in modo da garantire ai propri fan il permesso di ripubblicare liberamente quelle foto.

Staremo a vedere come si concluderà la vicenda.

Fonte: IpKat

#fotografia #celebrità #immagine #socialmedia #dirittoautore #fairuse #copyright #modella

Bando “Per chi crea”: pubblicata la graduatoria dei vincitori

È stata pubblicata la graduatoria dei vincitori del bando “Per Chi Crea“, promosso dal Mibac e gestito da SIAE, che destina il 10% dei compensi per “copia privata” a supporto della creatività e della promozione culturale dei giovani.

Su 2289 progetti che sono stati presentati, i beneficiari sono 449, suddivisi per i 4 bandi: Nuove opere (91), Residenze artistiche (66), Formazione e promozione culturale nelle scuole (238) e Live e promozione internazionale (54).

L’ammontare complessivo destinato ai vincitori è pari a 12.440.000,00 euro, dei quali quasi la metà riservata ai vincitori del bando 3.

I beneficiari saranno contattati da SIAE.

Per maggiori informazioni: https://www.perchicrea.it/news/pubblicate-le-graduatorie-dei-vincitori

#cultura #concorso #siae #mibac #perchicrea #bando #opere #dirittoautore #copyright  #graduatorie #vincitori

Aperte le iscrizioni per la 31^ edizione del Rock Contest

Al via le le iscrizioni al Rock Contest, il concorso nazionale per gruppi musicali emergenti, in collaborazione con il Comune di Firenze e SIAE, rivolto ai musicisti under 35 e finalizzato alla valorizzazione della musica nuova.

Al di là del nome, il concorso è aperto a tutti i generi musicali e le opere (tre brani originali) dovranno essere inviate entro il 4 ottobre 2019.
Al primo classificato spetterà un premio in denaro di 2.000 euro, mentre all’autore della migliore composizione sarà assegnato il Premio SIAE di uguale ammontare.

Oltre a questi, altri premi ed iniziative.

Per saperne di più e scaricare il bando: https://www.siae.it/it/iniziative-e-news/musica-aperte-le-iscrizioni-la-31-edizione-del-rock-contest

#musica #concorso #siae #compositori #opere #dirittoautore #copyright #premio

La Polizia sgomina Pay Tv pirata

A Palermo la sezione financial cybercrime della Polizia Postale ha condotto una vasta operazione che ha disarticolato un’infrastruttura informatica, gestita dalla piattaforma Tv pirata ‘ZSat’.

Il sistema permetteva la riproduzione abusiva, attraverso internet, dell’intero palinsesto Sky, con un giro di clienti finali stimato in circa 11.000 persone in tutta Italia.

E’ stato denunciato un trentacinquenne per violazione del diritto d’autore, presso la casa del quale la polizia postale ha sequestrato, nascosti negli scarichi dei bagni e nella spazzatura, ben 186.900 euro in contanti ed una macchina professionale conta-banconote, lingotti d’oro, e due “wallet” hardware (portafogli virtuali) contenenti cryptovalute in diverse valute, dall’elevato valore.

Nonostante il fenomeno muova ingenti capitali (come nel caso di specie), sia gestito dalla criminalità organizzata e determini grossissime perdite per gli aventi diritto, spesso non è percepito dal cliente finale come autentico illecito, circostanza che ovviamente obbliga ad una riflessione più ampia, che non può non passare dal rafforzamento delle campagne di informazione, anche in punto di conseguenze negative che gli utenti possono subire.

Fonte: ANSA

#provider #pirateria #tv #dirittoautore #copyright #internet

Violazione del copyright confermata, ma nessun risarcimento spetta all’autore della fotografia di “Cordoba”

La Corte di Giustizia Federale Tedesca (Bundesgerichtshof, BGH), seguendo quanto stabilito dalla Corte di Giustizia dell’UE, ha ritenuto che è illecita la ripubblicazione senza consenso dell’avente diritto di un contenuto tutelato seppure già pubblicato on line.

Il caso riguarda un’immagine della città spagnola di Cordoba, che in origine era stata pubblicata con il consenso del fotografo che ne è autore su una rivista di viaggi on line, ma che era stata poi prelevata e caricata da un allievo sul sito di una scuola statale tedesca.

Il fotografo quindi aveva ha citato in giudizio il governo locale che gestisce la scuola per violazione del copyright.

La Corte ha stabilito che l’atto costituisce non solo violazione del diritto di comunicazione al pubblico, ma anche del diritto di riproduzione, riconosciuto dalla legge tedesca sul copyright.

Nella specie inoltre la Corte ha escluso che ricorra un’eccezione di legge, come sostenuto dal convenuto, quale l’uso pedagogico, previsti dalla Legge tedesca sul copyright, essendo la fotografia accessibile non solo agli allievi ma ad un pubblico aperto.

Al contempo però la Corte ha rigettato la richiesta di risarcimento danni, perché la responsabilità dell’ente è accessoria rispetto a quella dell’autorediretto” della violazione.

Invero, seppure la scuola risponda degli atti commessi dai suoi dipendenti (l’insegnante, nella specie, che avrebbe mancato al proprio dovere di diligenza, non informando correttamente gli allievi sull’uso di internet), autore materiale dell’illecito è l’allievo e nulla osta al fotografo di citare il medesimo direttamente.

#dirittoautore #copyright #allievo #scuola #illecito #responsabilità

Il Consiglio di Stato annulla parzialmente le disposizioni sul diritto d’autore del Regolamento AGCOM

Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso presentato da Associazioni Movimento di difesa del Cittadino (MDC) ed #ASSOPROVIDER, annullando parzialmente la Delibera Copyright di AGCOM del 2013.
Tale in particolare consentiva all’Autorità garante delle comunicazioni di chiedere agli operatori internet o emittenti radio-televisive di bloccare l’accesso ai contenuti che violassero il diritto d’autore, abilitando l’Autorità stessa al contempo ad irrogare direttamente sanzioni pecuniarie ai danni dei medesimi nel caso del mancato adeguamento.
Non solo quindi la Delibera consentiva all’AGCOM di agire senza “passare” per la Magistratura, ma applicando sanzioni senza alcuna previsione di norma primaria in parola.
Il Consiglio di Stato pertanto ha annullato parzialmente la Delibera Copyright in oggetto, rilevando come viga in tema di sanzioni amministrative la riserva di legge, in tutte le sue declinazioni e corollari, al pari della materia penalistica.
La conseguenza è che all’AGCOM mantiene il potere di monitorare a tutela del diritto d’autore il web e le reti radio-televisive, ma viene privata di ogni potere sanzionatorio, seppure sicuramente molto apprezzato dagli aventi diritto.

#provider #agcom #radio #tv #dirittoautore #copyright #internet #violazione

Il Tribunale di Roma riconosce a RTI un risarcimento di oltre 5 milioni di euro per violazione del diritto d’autore

La sentenza n. 14757/2019 del 12 luglio 2019 del Tribunale di Roma ha condannato Dailymotion SA (società del gruppo francese Vivendi) al risarcimento di oltre 5,5 milioni di euro in favore di RTI (società del Gruppo Mediaset), per violazione del diritto esclusivo di comunicazione al pubblico di materiali coperti dal diritto d’autore.

Si tratta nel caso di specie di 995 video, estratti da trasmissioni del gruppo RTI, caricati da privati a partire dal 2006, di cui taluni rimasti online fino al 2013.

Il Tribunale ha stabilito come non possa riconoscersi a Dailymotion la qualifica di provider passivo, di cui al DLGS n. 70/2003, e quindi debba essere considerato responsabile, in funzione del tasso di interazione che i singoli video caricati generavano.

Il Tribunale si allinea quindi alla nuova Direttiva Copyright 2019/790 sul diritto d’autore nel mercato unico digitale che seppure non ancora recepita con apposito provvedimento normativo, costituisce comunque fonte interpretativa del diritto interno.

Già con la sentenza n. 7708/2009 la Corte di Cassazione, nel caso RTI Vs Yahoo, anch’essa favorevole al gruppo RTI, aveva parlato di “indici di interferenza” come strumenti per identificare la natura attiva o passiva del provider.

La sentenza inoltre fissa anche una penale di 5.000,00 euro per ogni giorno di ritardo nella cancellazione dei video.

#provider #pirateria #tv #dirittoautore #copyright #internet

SIAE: riparte l’erogazione dell’Assegno di Professionalità con nuovi criteri

Il Consiglio di Sorveglianza della SIAE, in data 20 giugno 2019, ha deliberato all’unanimità di riconoscere determinati importi agli ex soci (loro congiunti e/o eredi) i quali, per effetto della delibera commissariale n. 86/2011 si erano visti interrompere l’erogazione del c.d. Assegno di Professionalità.

Ne erano insorti numerosi contenziosi da cui la SIAE era uscita soccombente, considerando che il diritto alla percezione di tale assegno ha natura di diritto quesito.

Al contempo, in linea con la Sentenza della Corte Costituzionale (n. 124/2017) assolutamente intangibili sono solo le forme pensionistiche finanziate con sistema contributivo, mentre tutte le altre possono essere ridotte ad equità, per salvaguardare la sostenibilità finanziaria del sistema.

Allo scopo, la delibera ha stabilito dei criteri per l’erogazione dell’assegno in parola, anche nel rispetto di un criterio di non discriminazione dei soci.

Sicuramente un provvedimento di grande importanza e rilievo per tutti i soci SIAE.

Leggi la delibera.

#siae #fondosolidarieta #delibera #assegnodiprofessionalita

 

L’uso senza limiti del diritto d’autore

Ollie Jones è morto di un male raro, a soli 4 anni.
Era piccolo, ma aveva già maturato un vero attaccamento al personaggio di Spiderman, un eroe a cui era particolarmente legato.

Ma quando il padre ha chiesto di incidere sulla lapide il personaggio amato dal figlio, incredibilmente, si è visto opporre un secco e “politicamente corretto” rifiuto.

La Disney, che detiene i diritti sui personaggi Marvel, ha infatti rifiutato il consenso all’utilizzo del personaggio, seppure al di fuori di finalità commerciali e certamente nell’ambito di un “pubblico” assolutamente limitato (la cerchia familiare).

Salvaguardare “innocenza” e “magia” dei personaggi Disney è la giustificazione che la Major ha opposto, seppure molto più probabilmente la spiegazione risieda nel timore di un rischio di “impropria” associazione tra l’eroe vincente e un tema tra i più “sfigati” che esistano, la morte di un bambino per un brutto male.

E’ chiaro che i titolari di un’opera creativa abbiano diritti assoluti su di essa, ma cosa c’è di più “assoluto” e incolpevole della morte di un bambino, lui si innocente?

Certamente, si parla di macrocategorie diverse, non potendo essere messe a confronto questioni morali con quelle giuridiche.

Eppure qualche considerazione si può fare, anche semplicemente guardando al fatto che, almeno nell’ordinamento italiano ed europeo, il diritto d’autore si sviluppa anche su un fronte morale, seppure volto alla tutela del rapporto tra l’autore e l’opera che ne costituisce un’emanazione.

Al contempo, non si deve dimenticare che la ratio della tutela del diritto d’autore e della sua incentivazione è lo sviluppo sociale e culturale, perché la fruizione dell’opera consente la sensibilizzazione del pubblico destinatario, il quale sviluppa di conseguenza una maggiore empatia verso il prossimo e una maggiore attenzione al rispetto delle regole.

Quindi, sotteso al diritto d’autore e fondamento dello stesso è una ratio morale e civile.

Comunque, al di là delle argomentazioni strettamente giuridiche, ci si sarebbe aspettati un po’ più di compassione umana da parte di un’azienda quale la Disney che genera profitti dallo sfruttamento di opere che fanno leva sul sentimento e sui sogni di tutti i bambini del mondo.

Il punto è: ma davvero la Disney può pensare che vedendo l’immagine di Spiderman sulla lapide di un bambino si sarebbe generata una disaffezione generalizzata al personaggio e/o una perdita in termini di immagine?

Bambini che appendono “al chiodo” il proprio esemplare di pupazzetto, genitori che si riuniscono in piazza per strappare album di figurine e bruciare in pubblico dvd, etc.

Personalmente, non ho mai smesso di amare le Barbie anche se, già quando ero piccola, la bambola è stata stigmatizzata per le forme troppo sottili, colpevole di essere strumento che avvicinasse le ragazzine a praticare tecniche anoressizzanti; né tanto meno ho smesso per questa ragione di farci giocare le mie bambine oggi.
Ma c’è di più.

Mutuando il ragionamento della Disney, bisognerebbe opinare che Elton John sia incorso in un irreparabile calo di vendite, dopo aver modificato (pare in una notte) il testo della sua “Goodbye Norma Jean” per dedicarla alla Principessa Diana nel corso del suo funerale, considerando che tutto il mondo non potrà mai dimenticare quel momento e quindi disinscrivere da quel tragico evento l’opera.
Eppure dopo oltre 20 anni al cantante dedicano anche dei film.

E chissà al contempo se anche Stevie Wonder avrà subito dei danni all’immagine, alla “magia” ed “innocenza” della sua musica dopo avere cantato al funerale di Micheal Jackson la sua “I never dreamed you’d leave me in summer”.

A parere della scrivente, l’opera artistica, musicale, cinematografica, editoriale che sia ha “diritto” di vivere di propria vita e deve trascendere anche il proprio autore, di cui è figlia, ma con propria autonoma individualità.

L’opera creativa dovrebbe quindi superare il suo autore, anche facendo leva su quel valore morale del fondamento della sua tutela.

Certamente, nei prossimi giorni mi interrogherò se sia il caso di boicottare “Cenerentola” e “Pocahontas”, nascondendo i dvd alle mie figlie.

Molto più probabilmente, non impedirò loro di continuare a giocare e cercherò nel tempo di spiegare che il denaro e le logiche di mercato non devono mai avere la meglio sui valori dell’uomo e della vita.

Maggiori informazioni sulla vicenda qui.
#cinema #fumetti #marvel #disney #dirittoautore #copyright

 

Italia Music Export-SIAE: pubblicati i risultati della Call Editori 2019

La Call Editori 2019 è il supporto economico dell’Italia Music Export-SIAE rivolto agli editori musicali dell’industria italiana, costituito da un rimborso a fondo perduto a copertura delle spese necessarie a partecipare a showcase, festival internazionali e fiere, appuntamenti necessari per conoscere nuovi partner e stringere accordi commerciali.

L’elenco dei vincitori e dei viaggi di lavoro che saranno rimborsati è pubblicago al seguente link.

#musica #dirittoautore #diritticonnessi #editori #siae #calleditori2019

Bologna Unesco City of Music: al via il bando per la selezione di progetti di export musicale

La Città Metropolitana di Bologna, attraverso il proprio Ufficio Musica, ha appena messo a bando un importo complessivo pari a 50.000 euro da destinare a progetti che promuovano la mobilità artistica internazionale in ambito musicale.

Destinatari saranno operatori del settore musica (associazioni, fondazioni, scuole, etc.), con sede operativa nel territorio della Città Metropolitana di Bologna.

Il contributo massimo erogabile sarà pari ad 3.000,00 euro per progetto, a parziale copertura delle spese e comunque fino a un massimo dell’80% dei costi totali del progetto selezionato.

Le domande devono essere presentate, previa compilazione di modulo on line, entro le ore 13.00 del 17 settembre 2019.

Scarica il bando.
#musica #dirittoautore #diritticonnessi #bando #export

Andy Warhol Foundation vs Lynn Goldsmith sul caso Prince: fair use o violazione del copyright?

Andy Warhol ha “trasceso” il diritto d’autore di un fotografo, trasformando la fotografia di Prince, ritratto in un momento di vulnerabilità umana, in un’opera d’arte che, al contrario, lo ha consacrato come personaggio iconico ed immortale.

È quello che ha statuito il Tribunale di Manhattan nella vicenda giudiziale che ha coinvolto la Fondazione Andy Warhol e il fotografo Lynn Goldsmith, autore di uno scatto, utilizzato dal noto artista.

Si tratta in particolare di 16 opere che sono diventate famose come “Prince Series“.  La serie conteneva 12 dipinti serigrafici, due serigrafie su carta e due disegni.

Il Tribunale ha ritenuto che Warhol abbia trasfigurato la fotografia tanto da rifletterne il mood opposto a quello della foto originaria di Goldsmith.

Pertanto, mentre il fotografo continua ad affermare che il dipinto di Warhol che gli sia dovuto un compenso, annunciando per il tramite del suo legale di voler fare appello contro questa decisione, il Giudice a oggi respinge tale interpretazione, ritenendo che, nel caso di specie, ricorra una ipotesi di fair use.

Il fair use (in italiano, uso o utilizzo leale, equo o corretto)  è un istituto previsto dal Copyright Act degli Stati Uniti (titolo 17), che permette l’utilizzo di materiale protetto da copyright per scopi d’informazione, critica o insegnamento, senza chiedere l’autorizzazione agli aventi diritto, in quanto ricorrano determinate condizioni, compatibili con l’esigenza di promuovere il progresso della scienza e delle arti (fonte: wikipedia).

Disposizioni simili, nell’ordinamento italiano, sono quelle di cui all’art 70 della Legge 633/1941, che tuttavia, oltre a prevedere la ricorrenza di precise condizioni (es. la finalità di critica, nei limiti in cui l’uso non costituisca concorrenza all’autore) ed essere interpretata restrittivamente dalla giurisprudenza, vincola a finalità strettamente non commerciali l’utilizzo dei contenuti creativi altrui.
Circostanza che, è evidente, non ricorre nel caso in parola, a tutto discapito del fotografo.

Probabilmente, secondo un sistema più “equo” di quello che dovrebbe riflettere il concetto della definizione stessa di “fair use”, quale è tutto sommato il sistema italiano, quella di Warhol sarebbe stata considerata come opera derivata e si sarebbe consentito al fotografo di partecipare del suo “successo”, almeno in parte, con il riconoscimento di un diritto morale e patrimoniale, seppur limitato.

Per saperne di più clicca qui.

#artifigurative #dipinto #fotografia #dirittoautore #fairuse #citazione #critica #copyright

Presentata all’aeroporto di Malpensa la Milano Music Week 2019

Si svolgerà dal 18 al 24 Novembre la nuova edizione della Milano Music Week, una settimana di musica ed eventi culturali che consacra, per il terzo anno di seguito, la città di Milano come hub musicale di respiro sempre più internazionale.

Il programma della manifestazione, promossa da Comune di Milano, SIAE (Società italiana degli autori ed editori), FIMI (Federazione dell’industria musicale italiana), Assomusica (Associazione tra i produttori e gli organizzazioni di spettacoli di musica dal vivo) e Nuovo Imaie (Istituto per la tutela dei diritti degli artisti interpreti ed esecutori) è stato presentato il 21 giugno all’aeroporto di Malpensa, location che meglio esprime i concetti di internazionalizzazione e scambio tra culture che saranno i temi della prossima edizione.

Interessante è poi la call che viene rivolta a tutti coloro che abbiano voglia di promuovere un progetto interessante, i quali possono inviarlo alla mail proposte@milanomusicweek.it.


Per saperne di più clicca qui.


#musica #dirittoautore #artisti #compositori #siae #nuovoimaie #assomusica #fimi #milanomusicweek2019 #linech

Il futuro dell’industria musicale è nell’intelligenza artificiale?

Il Sole24ore ha intervistato Francis Moore, Executive Chief di IFPI, l’organizzazione che ogni anno pubblica il report sui dati del music business a livello globale.

L’intervista ha affrontato temi come il difficile passaggio dall’analogico al digitale e il successo dei discografici che sono riusciti ad “educare” il pubblico allo streaming “legale” di musica, uscendo dalla crisi.

Uno dei punti più significativi della discussione ha riguardato la Direttiva Copyright, su cui la Moore ha espresso un parere estremamente positivo, considerandola il primo atto legislativo a livello mondiale che, se fedelmente applicato, sarà in grado di colmare il value gap nello sfruttamento di contenuti creativi tra i service provider e gli aventi diritto.

Molto interessante anche il ruolo sempre più determinante di intelligenza artificiale e big data.
Le case discografiche in particolare usano i dati per misurare le tendenze e il coinvolgimento dei fan, su cui elaborano le proprie strategie anche in tema di lancio degli artisti.

Se quindi il futuro è sempre più dell’Intelligenza Artificiale, si spera che almeno questi “robot” siano intonati!

Ma il talento umano è davvero sostituibile? Ai posteri l’ardua sentenza.

Per leggere l’intervista completa clicca qui.
#musica #ai #bigdata #direttivacopyright #ifpi #artisti #discografici #streaming

 

Convocata l’Assemblea Generale SIAE 2019

È convocata per il 18 luglio 2019, a partire dalle ore 11:00, l’Assemblea Generale della Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE), che avrà ad oggetto importanti deliberazioni relative allo Statuto vigente.

L’Assemblea avrà il seguente ordine del giorno:
a) esame della relazione del Consiglio di sorveglianza di cui all’art. 12, comma 1, punto (i) dello Statuto vigente;
b) esame della relazione del Consiglio di gestione di cui all’art. 12, comma 1, punto (ii) dello Statuto vigente; c) deliberazioni relative alle linee guida di cui all’art. 12, comma 6, dello Statuto vigente; d) varie ed eventuali.

I lavori si svolgeranno in unica convocazione, a Roma presso il Palazzo dei Congressi in Viale della Pittura n. 50.

Per ogni ulteriore informazione si può visitare il sito SIAE.

#siae #soci #editori #compositori #artisti #scrittori #statuto #assemblea #delibera

 

Anche FIMI aderisce al Codice di buone pratiche contro la manipolazione dello streaming

Un’ampia coalizione di major, etichette indipendenti, editori e management di artisti, tra cui Spotify, Universal, Warner, Sony, etc. oltre naturalmente a IFPI che rappresenta l’industria discografica in più di 56 paesi nel mondo, hanno sottoscritto il Anti-streem manipulation Code of best practice, un codice di buone pratiche che intende stabilire le misure per rilevare e prevenire la manipolazione dello streaming e mitigarne gli effetti negativi sul mercato, che ogni anno segnano copiose perdite nel settore.

Tale Codice di buone pratiche traccia le linee guida per fermare le riproduzioni non autentiche sui servizi di streaming strutturati per produrre un migliore posizionamento delle chart, un’equa suddivisione del mercato e dei pagamenti delle royalties.

Fonte: FIMI

Per saperne di più clicca qui

#copyright #dirittoautore #musica #streaming #artisti #produttori #diritticonnessi #pirateria

 

Manifesto Nazionale degli Stati Generali della Musica Emergente: più spazio alle realtà musicali piccole e alle produzioni indipendenti

Sabato 22 giugno nel corso dell’evento organizzato da Giordano Sangiorgi (MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti), è stato presentato il Manifesto Nazionale degli Stati Generali della Musica Emergente, un documento elaborato nel confronto con oltre 100 tra operatori e artisti della musica emergente italiana.

Obiettivo principale è la valorizzazione delle realtà musicali indipendenti e la promozione di un rinnovamento normativo, a tutela della creatività.

Tra gli strumenti indicati dal Manifesto in parola, si legge all’art 4 “Istituzione di una legge che imponga alle radio private operanti sul territorio nazionale la trasmissione di una quota di musica prodotta in Italia (ma non necessariamente in lingua italiana) in palinsesto, che oscilli – secondo i casi e le applicazioni – dal 35 al 60% del totale delle canzoni in programmazione, al fine di promuovere la musica indipendente gli artisti esordienti.”

Leggi il documento.

#copyright #musica #indie #autori #direttivacopyrigth #dirittoautore #diritticonnessi #artisti

 

Gli Studios fanno causa a VidAngel: no allo “stream ripping” family friendly

Si è appena aperto il processo davanti al Tribunale  dello Stato della California, che dopo la condanna sull’an, deciderà sul quantum dovuto da VidAngel agli Studios per violazione del copyright.

Disney, Fox, Lucasfilm e Warner Bros hanno infatti già segnato una prima importante vittoria contro la start-up VidAngel la quale ha realizzato lo stream-ripping illegale di svariate pellicole dei produttori in parola.

VidAngel che opera dal 2016 consente agli utenti di filtrare i contenuti non graditi, perché violenti o offensivi, selezionando per argomento, dai film di Hollywood, orientata a tutelare soprattutto le famiglie.

Tuttavia, il servizio offerto si basa su un’attività di ripping, ovvero la estrazione e trasferimento di un contenuto protetto ad un altro formato, nella specie, per la messa a disposizione del pubblico, realizzata da VidAngel ultimamente tramite AmazonPrime e Netflix.

Pertanto, la startup avrebbe dovuto certamente richiedere la previa autorizzazione dei titolari dei diritti.

A oggi è stato richiesto un risarcimento milionario che tuttavia la società non sarà in grado di corrispondere, considerando che ha già dichiarato fallimento.

Per gli Studios tuttavia si tratta di un atto esemplare, non solo repressivo, ma dimostrativo per tutti gli altri operatori che con servizi simili violano i loro diritti.

Per saperne di più: link.

#copyright #dirittoautore #cinema #ripping #streaming #artisti #produttori #diritticonnessi #pirateria