Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.

Diritto d’autore: l’Italia si attiva per l’adeguamento delle direttive 2001/29 e 2004/48

La Legge 20 novembre 2017 n. 167, intitolata “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea – Legge europea 2017” (G.U. n. 277 del 27.11.2017), entrata in vigore: 12 dicembre 2017, contiene, all’art. 2, alcune disposizioni in materia di diritto d’autore con riguardo al completo adeguamento alle direttive 2001/29/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 maggio 2001, sull’armonizzazione di taluni aspetti del diritto d’autore e dei diritti connessi nella società dell’informazione, e 2004/48/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sul rispetto dei diritti di proprietà intellettuale.

Le nuove norme:

1. Ai fini dell’attuazione di quanto previsto dall’articolo 8 della direttiva 2001/29/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 maggio 2001, e dagli articoli 3 e 9 della direttiva 2004/48/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, su istanza dei titolari dei diritti, può ordinare in via cautelare ai prestatori di servizi della società dell’informazione di porre fine immediatamente alle violazioni del diritto d’autore e dei diritti connessi, qualora le violazioni medesime risultino manifeste sulla base di un sommario apprezzamento dei fatti e sussista la minaccia di un pregiudizio imminente, e irreparabile per i titolari dei diritti.

2. L’Autorità disciplina con proprio regolamento le modalità con le quali il provvedimento cautelare di cui al comma 1 è adottato e comunicato ai soggetti interessati, nonché i soggetti legittimati a proporre reclamo avverso il provvedimento medesimo, i termini entro quali il reclamo deve essere proposto e la procedura attraverso la quale è adottata la decisione definitiva dell’Autorità.

3. Con il regolamento di cui al comma 2 l’Autorità individua misure idonee volte ad impedire la reiterazione di violazioni già accertate dall’Autorità medesima.

Domani a Roma la 16° edizione di Più libri più liberi

Si inaugura domani la sedicesima edizione della Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria Più libri più liberi, l’evento editoriale più importante della Capitale dedicato esclusivamente all’editoria indipendente, promossa e organizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE), nella nuova sede del Roma Convention Center La Nuvola, il centro congressuale progettato da Massimiliano e Doriana Fuksas e gestito da Roma Convention Group.  

La cerimonia inaugurale, domani 6 dicembre alle ore 10.30 presso il Caffè letterario, si aprirà con gli interventi di Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Lidia Ravera, Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio, Luca Bergamo, Vicesindaco con delega alla Crescita Culturale di Roma Capitale, Ricardo Franco Levi Presidente dell’AIE, Annamaria Malato Presidente di Più libri più liberi e Diego Guida, Presidente del Gruppo Piccoli editori di AIE.

Alle 12.30, nella sala La Nuvola il primo appuntamento sulla legalità – tema centrale di questa edizione di Più libri più libericon la diretta Rai della trasmissione Speciale Quante Storie condotta da Corrado Augias, durante la quale interverrà il Presidente del Senato Pietro Grasso con il giornalista Lirio Abbate, Alessandra Ballerini, Giancarlo De Cataldo, Nicola Gratteri, Andrea Franzoso e Lorenzo Terranera.

Nei cinque giorni della Fiera, che cresce negli spazi, quasi raddoppiati e nei numeri, con più di 550 appuntamenti e di 500 editori, si moltiplicheranno le occasioni per incontrare gli autori, assistere a convegni o performance musicali.

Tra i molti appuntamenti della giornata inaugurale, la proiezione del documentario Un unico destino di Fabrizio Gatti (alle 10 e alle 11.45, Aldus Room – incontro a cura di “La Repubblica”), che apre il programma dedicato ai ragazzi,  insieme alla presentazione di Cosa saremo poi, il libro di Luisa Mattia e Luigi Ballerini (alle ore 10.30, Spazio Ragazzi). Sempre alle 10.30, e sempre dedicato ai più giovani, l’incontro Scrittori del ‘900, con la presentazione dei libri Italo Calvino. Lo scoiattolo della penna di Giorgio Biferali e Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Il Gattopardo raccontato a mia figlia di Maria Antonietta Ferraloro (Sala Elettra).

Pietro Grasso sarà protagonista dell’incontro Politica e antimafia, con il giornalista Lirio Abbate alle 11.45 al Caffè letterario.

Alle 14.30 (sala Polaris), l’annuncio e la presentazione dei finalisti al Premio Stendhal, l’importante riconoscimento per la traduzione dal francese verso l’italiano, con interventi di Ilide Carmignani, Valerio Magrelli, Stefano Montefiori, Cristophe Musitelli e Bernadette Vincent, e il coordinamento di Alessandro Zaccuri, a cura di Institut français Italia /  Service de coopération et d’action culturelle dell’Ambasciata di Francia in Italia.

Appuntamento alle 17.15 con due grandi protagonisti del giornalismo a confronto: Mario Calabresi e Michele Serra dialogano nell’incontro dal titolo Delle amache e di altri dondoli con il coordinamento di Gregorio Botta (sala La Nuvola). Grande attesa per l’incontro delle 18.30 con Luis Sepúlveda e Giancarlo De Cataldo, che parleranno di ribellione e di passione politica e civile (sala La Nuvola). Alla stessa ora, Luigi De Magistris e Francesca Fornario ci offriranno una ricognizione della situazione politica italiana attuale partendo dal libro Demacrazia di Giacomo Russo Spena (sala Polaris). Alle 19 in sala Luna Raffaele Cantone presenterà Il libro Il Disobbediente di Andrea Franzoso, colui che denunciò l’utilizzo improprio di denaro pubblico da parte di Ferrovie Nord Milano.

Il programma professionale si aprirà con la presentazione agli editori di Tempo di Libri, Fiera internazionale dell’editoria, a cui interverranno il presidente AIE Ricardo Franco Levi e il direttore di Tempo di Libri Andrea Kerbaker (ore 14.30 in Aldus Room). Seguirà l’incontro Essere piccoli in un mondo sempre più grande, a partire dall’indagine Nielsen sul mercato del libro in generale e sulla piccola editoria nello specifico. Ne discuteranno Alessandro Gallenzi, Renata Gorgani e Petra Kavčič, Monica Manzotti, Urpu Strellman, introdotti da Gregorio Pellegrino (ore 15.30 in Aldus Room).

Più libri più liberi conferma e potenzia inoltre la vocazione internazionale della piccola e media editoria con la tredicesima edizione del Fellowship Program, realizzato grazie anche all’intervento di ICE-Agenzia e della Regione Lazio per il tramite di Lazio Innova, a favore dell’internazionalizzazione degli espositori, che quest’anno porta in Fiera il 6 e il 7 dicembre 23 operatori stranieri da 16 Paesi per far loro conoscere il meglio della produzione editoriale della piccola editoria e favorire così la cessione di diritti italiani all’estero. Ci saranno operatori provenienti da: Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Indonesia, Olanda, Polonia, Regno Unito, Romania, Russia, Slovenia, Spagna, Svezia, Turchia, Ucraina. Per la prima volta oltre al fellowship tradizionale legato al solo settore dei libri, si aggiungerà anche un’intermediazione tra libri e film: sarà infatti presente un operatore per favorire la contaminazione tra questi due mondi. 

Per consultare il programma completo: www.plpl.it

Scadenza bando “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura”

ENTRO IL 30 NOVEMBRE 2017 è possibile presentare le domande di partecipazione per la seconda edizione di “SILLUMINA – COPIA PRIVATA PER I GIOVANI, PER LA CULTURA”.

Sono bandi rivolti a privati, aziende, enti e associazioni che presentino un PROGETTO A SOSTEGNO DI AUTORI, ARTISTI ED INTERPRETI ESECUTORI UNDER 35.

I bandi coprono diverse tipologie di progetto, dalle iniziative nelle periferie urbane alla produzione di nuove opere inedite; dal sostegno per la realizzazione di percorsi formativi alla traduzione e distribuzione di opere all’estero.

Al sostegno di progetti realizzati nel settore LIBRO E LETTURA sono destinati quest’anno 556.500 EURO.

Attraverso questi bandi SIAE, CHE SOSTIENE ANCHE _PIÙ LIBRI PIÙ LIBERI_, DISTRIBUISCE IL 10% DEI COMPENSI PER LA COPIA PRIVATA gestiti dalla stessa Società Italiana degli Autori ed Editori in attività che favoriscano la creatività e la promozione culturale nazionale ed internazionale dei giovani, come previsto nell’Atto di indirizzo del Mibact in applicazione di una norma della legge di stabilità del 2016.

Lo scorso anno SIAE ha distribuito 6,3 milioni di euro, finanziando 216 progetti. QUEST’ANNO I FONDI DISPONIBILI AMMONTANO A 9,275 MILIONI DI
EURO.

Sul sito web di Sillumina www.sillumina.it si trovano tutte le info.

Convegno “#dirittidautore la creatività vale, valorizziamola”, Roma, Camera dei Deputati, 24 novembre 2017

#DIRITTIDAUTORE LA CREATIVITÀ VALE, VALORIZZIAMOLA./

ROMA
24 NOVEMBRE 2017
SALA NILDE IOTTI,
CAMERA DEI DEPUTATI

Programma:

9.00/9.30
REGISTRAZIONE PARTECIPANTI

9.30/10.30
#DIRITTODAUTORE: LA CREATIVITÀ VALE, VALORIZZIAMOLA.

Interventi di:
Silvia Costa
Coordinatrice S&D commissione cultura PE

Paolo Tancredi
Vicepresidente commissione Politiche dell’unione Europea
Camera dei Deputati

Prolusioni di:
Francesca Bonomo
Commissione Politiche Dell’unione Europea – Camera dei Deputati

Relazione del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega agli Affari Europei, Sandro Gozi

10.30/11.30
TAVOLA ROTONDA – IL DIRITTO D’AUTORE TRA NORME E RIFORME: IL ‘CASO ITALIA’

Partecipano:

Brando Benifei
Europarlamentare

Mario Franzosi
Professore e avvocato, esperto di diritto industriale e intellettuale italiano

Gustavo Ghidini
Professore di Diritto industriale; Direttore dell’Osservatorio di proprietà intellettuale, concorrenza e comunicazioni della Università LUISS Guido Carli

Luca Scordino
Avvocato e consigliere di gestione SIAE

Guido Scorza
Avvocato e docente di diritto delle nuove tecnologie

Modera:
Andrea Romano
Deputato e direttore di Democratica

11.30/12.30
TAVOLA ROTONDA – TUTELARE GLI AUTORI E GARANTIRE I DIRITTI: FORMULE A CONFRONTO

Partecipano:

Giuseppe Abbamonte
Direttore del dipartimento di Media policy della DG Connect

Antonio Nicita
Componente AGCOM

Filippo Sugar
Presidente SIAE

Davide D’Atri
Ceo di Soundreef

Stefano Selli
Direttore delle relazioni istituzionali Italia, Mediaset

Stefano Ciullo
Responsabile european affairs, Sky Italia

Modera:
Giorgio Caroli

Giornalista e autore

ISCRIZIONE OBBLIGATORIA:
dirittidautore24novembre@gmail.com
DRESS CODE FORMALE

La raccolta di diritti d’autore nel mondo raggiunge i 9,2 miliardi di euro

La raccolta di diritti d’autore ha raggiunto un nuovo massimo storico di 9,2 miliardi di euro (10,1 miliardi di dollari USA) l’anno, con un aumento del 6% rispetto all’anno precedente, secondo le nuove cifre pubblicate il 15 novembre scorso dalla Confederazione Internazionale delle Società degli Autori e Compositori (CISAC).

I numeri sono pubblicati nel CISAC Global Collections Report, ove sono stati raccolti e analizzati i dati del 2016 ricevuti dalle società di autori di 123 territori.

Per leggere il CISAC Global Collections Report online, clicca qui

Per leggere i punti salienti chiave del rapporto online, clicca qui

Per leggere il comunicato stampa online, clicca qui

FIM 2018 sbarca a Milano

FIM Fiera internazionale della Musica
……………………………………………………………….
31 Maggio / 03 Giugno 2018
Piazza Città di Lombardia / MILANO
……………………………………………………………….

INGRESSO LIBERO

La sesta edizione della più innovativa fiera italiana della musica è dedicata ai professionisti del futuro

La sesta edizione del FIM si terrà da giovedì 31 maggio a domenica 3 giugno 2018 presso la suggestiva Piazza Città di Lombardia, la piazza coperta più grande d’Europa, situata al centro del nuovo palazzo della Regione Lombardia a Milano. Organizzato da Maia in collaborazione con BigBox, L’Alveare, il Conservatorio di Milano e altre importanti realtà che verranno coinvolte nel progetto FIM nel corso delle prossime settimane, il FIM fa tesoro dei consensi e dei risultati ottenuti dalle precedenti edizioni (l’ultima delle quali tenutasi lo scorso mese di maggio presso i padiglioni della Fiera di Erba) e apre le porte a studenti, insegnanti, professionisti e appassionati di musica, che potranno ora entrare al FIM gratuitamente.

I laboratori rivolti agli studenti delle scuole medie a indirizzo musicale, i seminari di approfondimento su vari aspetti della professione musicale, gli incontri/interviste con personaggi affermati del mondo della musica italiana e internazionale, le esibizioni dei giovani musicisti alla ricerca di una propria dimensione artistica e professionale e, non ultima, l’esposizione di servizi e prodotti rivolti a chi lavora nella musica, sono i contenuti fondamentali del progetto FIM, che quest’anno avrà come tema centrale quello della formazione dei professionisti del mercato della musica di domani.

Non è un caso la scelta di un luogo non propriamente fieristico come quello di Piazza Città di Lombardia, più raccolto, meglio inserito nel tessuto urbano e dotato di ambienti adeguati (tra cui un accogliente auditorium) particolarmente adatti alla declinazione “educational” di questa sesta edizione del FIM. Nel DNA del FIM c’è da sempre la musica dal vivo e la qualità dei contenuti, per la prima volta offerti gratuitamente al pubblico dei visitatori, con la coinvolgente vivacità tipica del FIM. La Piazza ospiterà 5 aree tematiche (Casa FIM, FIM Theater, FIM Lab, FIM on-Air e FIM Social) e un’area espositiva.

FIM Lab ospiterà soprattutto i laboratori e i seminari rivolti agli studenti delle scuole medie a indirizzo musicale che (insieme ai loro insegnanti) costituiranno una parte importante del pubblico presente al FIM (già confermata l’affluenza di circa un migliaio di ragazzi).

FIM Social ospiterà esibizioni dal vivo in acustico e rigorosamente unplugged in diretta streaming. Casa FIM è il cuore pulsante del FIM, con il suo programma di incontri/interviste e performance live in diretta streaming tv, ma anche palco per il deejay-contest ed esibizioni a cura di piccoli ensemble giovanili. Casa FIM diventerà anche una trasmissione televisiva a puntate che sarà mandata in onda a partire da settembre 2018.

FIM on-Air è l’area dedicata alle Web radio, Web TV, Portali e Blog Musicali che offrono la possibilità ai musicisti di “farsi conoscere”, di promuovere la propria musica, la propria band, il proprio album. Quasi tutti in diretta streaming dal FIM.

Tra le radio di FIM on-Air c’è anche Radio FIM, ascoltabile dalla App gratuita Fimfiera scaricabile da Apple Store e Google Play.

FIM Theater è l’auditorium del FIM, il luogo dove si terranno i concerti più importanti (alcuni dei quali su invito), quelli delle orchestre giovanili e il contest per band emergenti di tutte le età. Il programma, l’elenco dei partner e il dettaglio dei contenuti del FIM di Milano sono in continuo aggiornamento.

IL PROGETTO DEL FIM 2018
……………………………………………………………….

È da molto tempo che si parla di riconoscimento del valore della musica, non solo in termini culturali, sociali e come opportunità di sviluppo economico. Un dato di fatto è che il valore del mercato della musica in Italia è di gran lunga inferiore a quello di altri Paesi avanzati. Si tratta dunque di investire nella formazione non solo dei lavoratori del settore, ma anche sulla formazione dei fruitori di musica. La chiave sta proprio nella formazione degli studenti delle scuole, i quali, pur non intraprendendo il percorso di musicista o operatore del settore, diventano fruitori/consumatori interessati e consapevoli.Occorre ricordare che ogni anno escono dalle scuole pubbliche a indirizzo musicale circa 30 mila diplomati e che solo alcuni di questi proseguono i loro studi nei circa 150 licei musicali italiani. Una grossa fetta di questi studenti preferisce seguire altri percorsi, mantenendo tuttavia una indubbia sensibilità nei confronti del mondo della musica.

Sono questi numeri che hanno convinto gli organizzatori del FIM a virare il progetto di questa fiera attiva ormai da un quinquennio verso la formazione, vista non solo come opportunità di crescita culturale per i giovani, ma anche e soprattutto come stimolo verso possibili sbocchi professionali all’interno di questo importante settore.

Nato per stimolare dal basso la rete delle relazioni tra musicisti e fornitori di prodotti e servizi ad essi rivolti, il FIM 2017 investe dunque quest’anno nella formazione e la conoscenza dei professionisti di domani con un nuovo progetto nato per offrire concretamente agli studenti che già seguono corsi di musica e strumento presso le scuole medie inferiori e superiori una serie di stimoli concreti attraverso un percorso di esperienze offerte da chi già opera professionalmente in diversi ambiti dell’industria musicale.

Per informazioni: www.fimfiera.it  – Info Line: +39 010 86 06 461UFFICIO STAMPA
FIM Fiera: Piero Chianura – tel. 333.6511486 – piero.chianura@bigboxmedia.it

Diritto di seguito: in Gazzetta Ufficiale l’elenco degli autori

La Società Italiana Autori ed Editori ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale, n. 254 del 30 ottobre 2017 l’elenco degli artisti beneficiari del diritto di seguito che non hanno ancora rivendicato i compensi ad essi spettanti. L’articolo 47 del Regolamento di esecuzione della disciplina prevista dalla Legge sul diritto d’autore n. 633/41 a tutela del diritto di seguito prevede infatti che SIAE pubblichi semestralmente sulla Gazzetta Ufficiale l’elenco degli autori per i quali non è stato ancora rivendicato il diritto maturato a seguito di una vendita delle loro opere.

Si tratta del diritto riconosciuto all’autore di un’opera d’arte e ai suoi aventi causa di percepire un compenso calcolato in percentuale sul prezzo delle vendite, successive alla prima, delle opere stesse, concluse grazie a “intermediari professionisti del mercato”.

SIAE ha già provveduto a dare notizia della vendita agli aventi diritto o ai loro aventi causa di cui possiede i recapiti e a pubblicare trimestralmente sul proprio sito istituzionale un apposito elenco delle vendite avvenute.

Come dispone il secondo comma dell’art.154 della Legge sul diritto d’autore n.633/41, i compensi del diritto di seguito sono tenuti a disposizione dalla SIAE per gli aventi diritto per un periodo di cinque anni dal momento in cui gli stessi sono divenuti esigibili.

Gli autori il cui nominativo è presente nell’elenco – o i loro aventi causa – dovranno contattare gli Uffici SIAE – Sezione OLAF – Viale della Letteratura 30, 00144 Roma – per far valere il proprio diritto a norma di legge.

Sul sito istituzionale della SIAE è disponibile la normativa relativa all’esercizio del diritto di seguito (https://www.siae.it/it/autori-ed-editori/arti-visive-e-letteratura/diritto-di-seguito  e la modulistica per la riscossione dei diritti   (https://www.siae.it/it/chi-siamo/documenti-e-faq/moduli).

Il Consiglio di Stato interviene sulla normativa della copia privata

Il Consiglio di Stato con la sentenza n. 4839 del 25 ottobre 2017, ha disposto l’annullamento dell’art. 4 dell’Allegato tecnico del d. m. 30 dicembre 2009 sulla determinazione dei compensi per copia privata.

Tale articolo prevedeva la possibilità per SIAE di promuovere protocolli “anche al fine di praticare esenzioni oggettive e soggettive, come, a titolo esemplificativo, nei casi di uso professionale di apparecchi o supporti ovvero per taluni apparati per videogiochi“, protocolli che devono essere adottati in accordo con i soggetti obbligati alla corresponsione del compenso per copia privata o con le loro associazioni di categoria.

Secondo il Consiglio di Stato, anche alla luce delle più recenti sentenze della Corte di Giustizia, “i protocolli stipulati dalla Siae e in generale l’attività demandata all’Ente (in quanto monopolista di fatto, ndr) assume un ruolo indebitamente “costitutivo” delle esenzioni “ex ante” e non può essere ricostruita in termini puramente applicativi, o attuativi, di criteri di determinazione dell’equo compenso (che non sono) stabiliti in altra sede normativa, mancando previsioni generali ed effettive a questo riguardo“.

Pertanto secondo il Consiglio di Stato “dev’essere dichiarato illegittimo e va annullato l’art. 4 dell’Allegato tecnico al d. m. 30 dicembre 2009, il quale costituisce parte integrante del decreto, nella parte in cui, anziché esentare “ex ante”, in modo esplicito e in via diretta, generale e radicale, secondo criteri oggettivi e trasparenti, dal pagamento del compenso per copia privata, i produttori e gli importatori i quali dimostrino che gli apparecchi e i supporti sono stati acquistati da soggetti diversi dalle persone fisiche per scopi manifestamente estranei a quelli della realizzazione di copie per uso privato, si è limitato soltanto a stabilire che la Siae promuove protocolli anche per praticare esenzioni nei casi di uso professionale di apparecchi o supporti, subordinando quindi l’esenzione, a favore di produttori e importatori, dal pagamento della “copia privata” per apparecchi dispositivi e supporti destinati a un uso manifestamente estraneo alla riproduzione di copie per uso privato, alla conclusione come detto di protocolli appositi lasciati alla “libera negoziazione” tra la Siae e i soggetti debitori o le loro associazioni di categoria, e ciò a fronte di un sistema di rimborso dell’equo compenso per copia privata indebitamente versato, chiaramente inefficace poiché accessibile al solo acquirente finale di tali apparecchi, supporti e dispositivi, e non anche al produttore o all’importatore.
Spetta al Mibact l’individuazione dei casi e modi di esenzione “ex ante” dalla “copia privata” per usi esclusivamente professionale, e di rimborso della “copia privata” anche a favore del produttore e dell’importatore, secondo criteri oggettivi e trasparenti
“.

Exit mobile version