Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.

Le eccezioni di text e data mining tra ricerca scientifica e attività commerciale, con Deborah De Angelis

L’Avv. Deborah De Angelis ci parla delle eccezioni di text e data mining tra ricerca scientifica e attività commerciali introdotte dall’attuazione della Direttiva Copyright negli artt. 70-ter e 70-quater della legge sul diritto d’autore.

Il diritto alla ricerca. Nuove frontiere e profili evolutivi del diritto d’autore, 19 dicembre 2023, Biblioteca Vallicelliana, Roma

Il coordinamento italiano di Program on Information Justice and Intellectual Property (PIJIP) dell’American University
Insieme a Right2Pub Balancing Publication Rights Progetto finanziato da KR21
e Istituto di Informatica Giuridica e Sistemi Giudiziari del CNR e di Knowledge Rights 21
con il supporto di Arcadia funding

Invitano a partecipare al convegno

Il diritto alla ricerca. Nuove frontiere e profili evolutivi del diritto d’autore
19 dicembre 2023, ore 9-14 Biblioteca Vallicelliana – Sala Borromini, Piazza della Chiesa Nuova 18, Roma

Con il patrocinio di Roma Capitale, Ordine Avvocati Roma e Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR)

Programma

9.00 Registrazione dei partecipanti

9.15-9.30 Saluti istituzionali
On. Valentina Grippo, Vicepresidente della VII Commissione (Cultura, Scienza e Istruzione) della Camera dei deputati

9.30-9.40 Introduzione ai lavori della giornata
Deborah De Angelis, Coordinatore italiano PIJIP e KR21

PRIMA SESSIONE, ore 9.40-11.05 / chairman Salvatore Orlando
IL DIRITTO ALLA RICERCA, IA E DIRITTO D’AUTORE

9.40-9.50 Salvatore Orlando, Sapienza Università di Roma
Apertura dei lavori – La tutela del diritto alla ricerca

9.50-10.10 Giuseppe Corasaniti, Universitas Mercatorum
Creatività dell’IA?

10.10-10.30 Deborah De Angelis, Coordinatore italiano PIJIP e KR21
Le eccezioni di TDM per finalità di ricerca scientifica e per uso commerciale nei sistemi di machine learning generativa

10.30-10.50 Francesco Grossi, Sapienza Università di Roma
Uno sguardo oltreoceano: diritto d’autore e IA negli Stati Uniti

10.50-11.05 Q&A Coffee break

SECONDA SESSIONE, ore 11.25-14.00 / chairman Roberto Caso
ACCESSO APERTO ALLA CONOSCENZA: SECONDARY PUBLISHING E RIGHTS RETENTION

11.25-11.35 Roberto Caso, Università di Trento, AISA – Associazione Italiana per la promozione della Scienza Aperta
Apertura dei lavori – Il diritto di ripubblicare in accesso aperto, l’uso pubblico della ragione e la libertà accademica

11.35-11.55 Fiorello Cortiana
European Citizen’s Initiative: un’azione concreta per il riconoscimento del Secondary Publishing Rights

11.55-12.15 Piero Attanasio, AIE – Associazione Italiana Editori
Le scienze aperte e i loro nemici. Un punto di vista

12.15-12.35 Lucilla Gatt, Tavolo di lavoro per implementazione Piano Nazionale Scienza Aperta
Attuazione del Piano Nazionale Scienza Aperta: azioni a breve – medio termine

12.35-12.55 Stefano Bianco, CoPER – Consulta dei Presidenti degli Enti di Ricerca
La scienza aperta negli enti pubblici di ricerca – la conservazione dei diritti di ripubblicazione

12.55-13.15 Sebastiano Faro, Ginevra Peruginelli, Istituto di Informatica Giuridica e Sistemi Giudiziari del CNR
Strategie e politiche per la pubblicazione in accesso aperto: l’iniziativa Right2Pub e il Progetto DIAMAS – Developing Institutional Open Access Publishing Models to Advance Scholarly Communication

13.15-13.35 Giacomo Fabbri, Direttore Sviluppo Digitale di Scomodo
Ricerca e accesso aperto: uno sguardo da parte delle nuove generazioni

13.35-14.00 Q&A

Il Consiglio dell’ordine degli avvocati di Roma riconosce 4 crediti formativi ordinari per la partecipazione in presenza; è possibile seguire il convegno anche da remoto via TEAMS a questo link.

Per informazioni e la partecipazione in presenza scrivere a:  segreteriaconvegno19dicembre@gmail.com

Programma Convegno 19 dicembre 2023

Il mercato discografico italiano, con Enzo Mazza: nuova conversazione mercoledì 13 dicembre alle ore 18:00

Dodicesimo e ultimo appuntamento del 2023 con “Conversiamo di diritto d’autore con…“, una serie di live streaming settimanali condotte dall’Avv. Giovanni d’Ammassa, fondatore di Dirittodautore.it, e dedicate al mondo del diritto d’autore.

In ogni episodio, esperti del settore esaminano temi di attualità legati al diritto d’autore, approfondendo argomenti rilevanti con l’obiettivo di fornire una visione chiara e approfondita del tema trattato.

In questa nuova puntata ci viene a trovare Enzo Mazza, presidente di FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana), con la quale parleremo del mercato musicale italiano.

Quando? Mercoledì 13 dicembre ore 18:00, in live streaming.

Dove? Sul Gruppo privato Facebook della nostra Academy.

Come si accede? Iscrivendosi a questo link.

Se sei appassionato di creatività e innovazione, o semplicemente vuoi comprendere meglio come funziona il diritto d’autore, unisciti a noi per un’ora di conversazione informativa e coinvolgente. E potrai anche commentare e fare domande al nostro ospite.

Ti aspettiamo!

Appello sull’AI Act europeo da parte delle industrie culturali e creative, autori e artisti italiani

AI Act europeo – Appello delle industrie culturali e creative, degli autori e degli artisti. 
L’Italia sostenga le previsioni sugli obblighi di trasparenza, di conservazione delle informazioni e dell’accesso per i titolari dei diritti. 
È necessario un quadro di regole chiare ed efficaci che l’autoregolamentazione non può garantire. 

Roma, 4 dicembre 2023 

Le organizzazioni firmatarie rappresentano imprese culturali e creative nei settori dell’audiovisivo, del cinema, della televisione, dei servizi per la valorizzazione e tutela del patrimonio culturale, della musica, dell’editoria libraria e giornalistica nonché diverse centinaia di migliaia di autori ed artisti interpreti che dipendono interamente dalla loro capacità di vendere contenuti, prodotti e servizi basati sul diritto d’autore e di concedere in licenza, controllandone l’utilizzo, le opere realizzate nonché la propria voce, immagine e altri dati personali. 

In questi giorni a Bruxelles è in corso un delicato negoziato per approvare l’EU AI Act, il regolamento europeo che intende stabilire un quadro giuridico per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, compresa quella generativa. È una grande opportunità per le industrie culturali e creative che deve essere regolata garantendo al contempo i diritti fondamentali della società e degli individui. 

L’AI rappresenta uno straordinario progresso tecnologico con un immenso potenziale per migliorare vari aspetti delle nostre vite, compresi quelli nei nostri settori. Tuttavia, è cruciale riconoscere che, insieme a questi benefici, esiste un lato più oscuro di questa tecnologia. In particolare, l’IA generativa viene addestrata su grandi dataset e ingenti quantità di contenuti protetti dal diritto d’autore e che vengono spesso raccolti e copiati da internet. Essa è programmata per produrre risultati che hanno la capacità di competere con la creazione umana. Questa tecnologia comporta diversi rischi per le nostre comunità creative. 

Le opere protette, le voci e le immagini vengono utilizzate senza il consenso dei titolari dei diritti per generare nuovi contenuti. Alcuni di questi utilizzi possono ledere non solo i diritti d’autore ma anche i diritti morali e della personalità degli autori e pregiudicare la loro reputazione personale e professionale. Inoltre, c’è il rischio che il loro lavoro originale degli autori, artisti e delle imprese culturali e creative venga sostituito, costringendoli a competere con le loro repliche digitali che ne ricaverebbero ovvi vantaggi sotto diversi profili con gravi conseguenze anche economiche. Esiste anche un rischio più ampio per la società, poiché le persone potrebbero essere indotte a credere che i contenuti che incontrano – testuali, audio o audiovisivi – siano creazioni umane autentiche e veritiere, quando sono semplicemente il risultato della generazione o manipolazione dell’IA. Questo inganno può avere implicazioni di vasta portata per la diffusione di disinformazione e l’erosione della fiducia nell’autenticità dei contenuti digitali e presenta seri problemi anche sotto il profilo etico.

L’IA non può svilupparsi trascurando i diritti fondamentali, come i diritti degli autori e degli interpreti, i diritti sull’immagine e sulla personalità ed i diritti delle molteplici industrie creative e culturali che investono per rendere possibile la creazione di opere sulle quali è legittimo aspettarsi di poter esercitare un controllo. L’IA non dovrebbe mai essere impiegata in modi che possano ingannare il pubblico. L’AI Act deve garantire che sia data assoluta priorità alla massima trasparenza delle fonti utilizzate per addestrarne gli algoritmi, a favore dei creativi e delle industrie che rappresentiamo e più in generale della società europea. 

Gli obblighi previsti dovrebbero essere applicati agli sviluppatori e agli operatori di sistemi e modelli di IA generativa a monte e a valle con particolare riferimento all’obbligo di conservare e rendere pubblicamente disponibili informazioni sufficientemente dettagliate sulle fonti, i contenuti e le opere utilizzati per l’addestramento, al fine di consentire alle parti con un interesse legittimo di determinare se e come i loro diritti siano stati lesi e di intervenire.

Questi obblighi devono essere quantomeno estesi a tutti i sistemi resi disponibili nell’UE o che generano output utilizzati nell’UE, commerciali o non commerciali e portare alla presunzione di utilizzo in caso di mancata osservanza consentendo agli aventi diritto di esercitare le proprie prerogative anche per la concessione di licenze. 

E’ cruciale riconoscere che nessuna delle protezioni basate sugli strumenti legali già esistenti nella normativa europea ha la minima possibilità di funzionare se non vengono poste rigorose e specifiche regole di trasparenza a carico degli sviluppatori di IA generativa. 

Accogliamo con favore le proposte del Parlamento Europeo di includere requisiti specifici di trasparenza per i modelli di base dell’IA, e apprezziamo lo sforzo della Presidenza spagnola nella ricerca di una soluzione equilibrata, ma è di primaria importanza potenziare ulteriormente queste tutele. 

La raccolta di dati e testi per addestrare l’IA era inizialmente consentita a scopi di ricerca e analisi delle tendenze; oggi, ciò è diventato parte integrante della creazione di contenuti: la legislazione deve riflettere questo cambiamento nel regolare e tutelare l’uso di opere protette e dati personali. 

Questi obiettivi non possono assolutamente essere raggiunti ammorbidendo la proposta votata dal Parlamento europeo o seguendo ipotesi di autoregolamentazione. 

Chiediamo con forza al Governo italiano di sostenere una regolamentazione equilibrata che, garantendo la trasparenza delle fonti, favorisca lo sviluppo delle tecnologie di intelligenza artificiale, tutelando e promuovendo al contempo la creatività umana originale e tutti i contenuti culturali del nostro Paese. 

100autori – Associazione dell’Autorialità Cinetelevisiva
ACMF – Associazione Compositori Musica per Film
AFI – Associazione Fonografici Italiani
A.G.I.C.I. – Associazione Generale Industrie Cine-audiovisive Indipendenti
AIDAC – Associazione Nazionale Dialoghisti e Adattatori Cinetelevisivi
AIE – Associazione Italiana Editori
ANAC – Associazione Nazionale Autori Cinematografici
ANART – Associazione Nazionale Autori Radiotelevisivi e Teatrali
ANEM – Associazione Nazionale Editori Musicali Indipendenti
ANES – Associazione Nazionale Editoria di Settore
ANICA – Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive Digitali
APA – Associazione Produttori Audiovisivi
ASSOMUSICA – Associazione di Organizzatori e Produttori Italiani di Spettacoli Musicali dal vivo
CENDIC – Centro Nazionale di Drammaturgia Italiana Contemporanea
CONFINDUSTRIA CULTURA ITALIA
CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI – Associazione dei media televisivi e radiofonici italiani
Doc/it – Associazioni Documentaristi Italiani
EMUSA – Editori Musicali Associati
FEDERAZIONE AUT-Autori
FEM – Federazione Editori Musicali
FIEG – Federazione Italiana Editori Giornali
FIMI – Federazione Industria Musicale Italiana
ICWA – Associazione Italiana di Scrittrici e Scrittori per giovani lettori
Nuovo IMAIE – Nuovo Istituto Mutualistico Artisti Interpreti Esecutori
PMI – Produttori Musicali Indipendenti
RAAI – Registro Attrici Attori Italiani
SCF
SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori
SNS – Sindacato Nazionale Scrittori
STRADE – TRADUTTORI EDITORIALI
U.N.A. – Unione Nazionale Autori
UNCLA – Unione Nazionale Compositori, Librettisti, Autori di Musica
UNIVIDEO – Unione Italiana Editoria Audiovisiva su media digitali e online
Writers Guild Italia – Sindacato degli sceneggiatori italiani

Eccezioni e limitazioni al diritto d’autore per le istituzioni pubbliche, con Antonella De Robbio

Con Antonella De Robbio cominciamo a esplorare il mondo delle eccezioni e limitazioni al diritto d’autore, partendo da quelle a favore delle istituzioni pubbliche: reprografia, prestito, prestito digitale, eccezioni per la didattica, ecc.

 

Eccezioni di text e data mining: ne parliamo mercoledì 6 dicembre alle ore 18:00 con Deborah De Angelis

Undicesimo appuntamento con “Conversiamo di diritto d’autore con…“, una serie di live streaming settimanali condotte dall’Avv. Giovanni d’Ammassa, fondatore di Dirittodautore.it, e dedicate al mondo del diritto d’autore.

In ogni episodio, esperti del settore esaminano temi di attualità legati al diritto d’autore, approfondendo argomenti rilevanti con l’obiettivo di fornire una visione chiara e approfondita del tema trattato.

In questa nuova puntata ci viene a trovare Deborah De Angelis, con la quale proseguiremo l’esplorazione delle eccezioni e limitazioni al diritto d’autore. In particolare, con Deborah esploreremo le eccezioni di text e data mining (TDM) tra la ricerca scientifica e l’attività commerciale.

Quando? Mercoledì 6 dicembre ore 18:00, in live streaming.

Dove? Sul Gruppo privato Facebook della nostra Academy.

Come si accede? Iscrivendosi a questo link.

Se sei appassionato di creatività e innovazione, o semplicemente vuoi comprendere meglio come funziona il diritto d’autore, unisciti a noi per un’ora di conversazione informativa e coinvolgente. E potrai anche commentare e fare domande al nostro ospite.

Ti aspettiamo!

Contratti in ambito cinematografico, con Alberto Maria Gallotti

Con Alberto Maria Gallotti torniamo a parlare di sviluppo e produzione di un’opera cinematografica / audiovisiva. In questo secondo incontro ci soffermiamo sulla contrattualistica di settore, con qualche suggerimento e pillola di esperienza.

Nuovo workshop gratuito sui contratti il prossimo 4 dicembre

Nuovo Workshop gratuito su come esaminare e scrivere i contratti di diritto d’autore!

L’obiettivo è quello di aiutare, grazie alla esperienza di avvocato e formatore del nostro fondatore Giovanni d’Ammassa, ad acquisire maggiore consapevolezza e padronanza delle dinamiche dei contratti di diritto d’autore.

Durante il Workshop andremo a scoprire alcuni aspetti del metodo dell’Officina dei Contratti, sviluppato dall’Avv. d’Ammassa, e in particolare quali sono gli strumenti per:

📌 Esaminare efficacemente le clausole di un contratto di cessione o di licenza
Scopriremo quali sono gli elementi che devono essere presenti in qualsiasi contratto di diritto d’autore, così da evitare sorprese spiacevoli che possano mettere a rischio l’attività dei clienti.

📌 Evitare il rischio di commettere errori
Gli errori che non bisogna assolutamente commettere se si vuole evitare di tralasciare clausole decisive per la corretta tutela del cliente, per lavorare in serenità e dormire sonni tranquilli

📌 Affrontare qualsiasi contratto con la giusta consapevolezza
tramite una checklist e uno schema da seguire, tratti dal metodo dell’Officina dei Contratti, in modo da poter gestire in modo efficace qualsiasi contratto di diritto d’autore, grazie al quale il cliente ci sarà per sempre grato.

📌 Come ChatGPT ci può aiutare nell’esame e nella scrittura dei contratti.

A tutti i partecipanti sono riservati dei bonus in PDF.

COME PARTECIPARE
Il Workshop si terrà dal vivo lunedì 4 dicembre dalle ore 18.00 alle ore 20:00.

Gli iscritti avranno accesso, successivamente, alla registrazione dell’evento.
Partecipare è gratuito e ci si iscrive a questo link:
https://academy.dirittodautore.it/workshop-contratti

Eccezioni e limitazioni a favore di istituzioni pubbliche: ne parliamo in live streaming giovedì 30 novembre alle ore 18:00 con Antonella De Robbio

Decimo appuntamento con “Conversiamo di diritto d’autore con…“, una serie di live streaming settimanali condotte dall’Avv. Giovanni d’Ammassa, fondatore di Dirittodautore.it, e dedicate al mondo del diritto d’autore.

In ogni episodio, esperti del settore esaminano temi di attualità legati al diritto d’autore, approfondendo argomenti rilevanti con l’obiettivo di fornire una visione chiara e approfondita del tema trattato.

In questa nuova puntata ci viene a trovare Antonella De Robbio, con la quale apriremo le porte a un nuovo tema: quello delle eccezioni e limitazioni al diritto d’autore. Impegnata da decenni in campo nazionale e internazionale su temi legati alla biblioteca digitale, comunicazione scientifica, accesso aperto e gestione dei diritti, Antonella è non solo esperta ma molto appassionata di diritto d’autore.

Quando? Giovedì 30 novembre, ore 18:00, in live streaming.

Dove? Sul Gruppo privato Facebook della nostra Academy.

Come si accede? Iscrivendosi a questo link.

Se sei appassionato di creatività e innovazione, o semplicemente vuoi comprendere meglio come funziona il diritto d’autore, unisciti a noi per un’ora di conversazione informativa e coinvolgente. E potrai anche commentare e fare domande al nostro ospite.

Ti aspettiamo!

Promozione Black Friday sulla nuovissima edizione del Dizionario dei Termini di Diritto di Autore!

Siamo entusiasti di annunciare che l’edizione 2023 del Dizionario dei Termini di Diritto di Autore di Giovanni d’Ammassa sarà pubblicata in formato Kindle questo venerdì 24 novembre, in offerta speciale per il Black Friday! 📖

Con oltre 450 voci, questo Dizionario è uno strumento essenziale per avvicinarsi rapidamente e facilmente al mondo complesso del diritto d’autore e della sua terminologia.

🔍
Ogni voce nel Dizionario è stata accuratamente curata per offrire una panoramica chiara e concisa, per aiutarti a comprendere i principi fondamentali della materia e a navigare la legge sul diritto d’autore.

Col Dizionario hai uno strumento:
✅ di rapida consultazione: è stato progettato per coloro che desiderano avvicinarsi al diritto d’autore senza dedicare tempo alla lettura di un manuale completo, o semplicemente non ricordano un dato significato.
✅ chiaro e comprensibile: ogni voce è presentata in modo chiaro e conciso, permettendo di comprendere i principi fondamentali della materia. Le voci sono isolabili dal contesto generale, facilitando la comprensione dei concetti senza dover leggere l’intero testo.
✅ collegato alla legge sul diritto d’autore: oltre a definire le voci, il Dizionario elenca la maggior parte delle fattispecie previste dalla legge sul diritto d’autore, offrendo rinvii agli articoli specifici. Questo facilita la comprensione pratica dei concetti in relazione alla normativa.
✅ con un’ampia gamma di termini: considera sigle, associazioni di categoria e termini derivati da linguaggio informatico, giuridico, Internet e settori connessi al diritto d’autore, garantendo un approccio completo e inclusivo alla materia.

✨
Puoi approfittare della promozione Black Friday: solo fino al 25 novembre potete ottenere l’edizione 2023 per Kindle a soli € 4,99 anziché €9,99!
Il Dizionario è già prenotabile a questo link:
P.S. Edizione cartacea in arrivo a dicembre!