La posizione di UNIVIDEO

Esprimiamo pieno supporto alla bozza presentata apprezzando la grande cura prestata dagli Uffici Legislativi che si sono occupati di un tema giuridico complesso e frastagliato come il Diritto d’ Autore

Auspicheremmo, qualora possibile, solo una lieve modifica alla formulazione degli articoli 71 quinquies e sexies alla luce dall?obbiettiva impossibilità di rimuovere per certi supporti (come i DVD) le misure tecniche di protezione, riteniamo che tali eventuali emendamenti siano comunque tali da non stravolgere la portata e il significato del provvedimento e anzi rispettino la lettera e la ratio della Direttiva.

Per quanto riguarda l’entità dei compensi previsti all’art. 39 riteniamo che essi siano pienamente in linea con quanto è ragionevole ed auspicabile attendersi, ferma restando da parte nostra la volontà di non interferire con le scelte che verranno prese a livello governativo.

Rigettiamo con forza la proposta, formulata da talune parti co-interessate con evidenti e meri intenti dilatori, di approvare un provvedimento interlocutorio e privo di indicazioni in merito alla entità dei compensi da definire in altra sede. Si tratterebbe di un compromesso di basso profilo che avrebbe l’unico risultato di creare fenomeni di accaparramento e distorsione del mercato a livello nazionale e comunitario.

Formalmente chiediamo, pertanto, a tutti i Ministeri coinvolti, ed in particolare al Ministro Frattini ed al nuovo capo dell’Ufficio Legislativo della Farnesina, di voler trattare il tema per la propria competenza nei più brevi tempi possibili, affinchè esso venga presentato in Consiglio dei Ministri entro la prima metà di Dicembre.

Davide Rossi
Direttore Generale UNIVIDEO

Su